7 dicembre 2019
Aggiornato 23:00

Vale non teme gli spagnoli: «Nel 2016 ci riprovo»

Il Dottore traccia l'ultimo bilancio della stagione prima delle vacanze. E si proietta già verso l'annata a venire: «Non sono preoccupato, cercherò di fare un buon lavoro. Proprio come quello che ho fatto quest'anno»

ROMA – La faida con Marc Marquez e Jorge Lorenzo non proseguirà anche nel prossimo Mondiale. Gli scontri in pista e fuori con i due spagnoli, con il loro carico di polemiche e di veleni, che hanno portato al controverso finale di stagione a Valencia, andranno in archivio insieme all'annata appena conclusa. Questo, almeno, è il parere di Valentino Rossi, che nella sua ultima intervista del 2015, prima di staccare la spina e dedicarsi alle meritate vacanze, ha sostenuto che la tensione tra lui e i suoi avversari è destinata a scendere nel corso dell'inverno. «Ora la situazione è caldissima – ha ammesso ai microfoni della rivista specializzata inglese Autosport – Ma nella prossima stagione saranno altri gli aspetti importanti, specialmente la motivazione a continuare e a riprovarci. Non sono molto preoccupato del prossimo anno». Dipenderà tutto dal comportamento di Marquez, insomma: «Sul futuro con lui, non so cosa dire – ha proseguito il Dottore – Cosa posso dire? Cosa posso fare? Devo fermarmi perché sarei 'preoccupato'? Cerco solo di spiegare il mio punto di vista e ciò che è accaduto. Il resto non fa parte del mio lavoro».

Dubbi sul futuro
Il campione di Tavullia, insomma, non è disposto a farsi condizionare da quanto è accaduto negli ultimi Gran Premi. Né nella corsa al titolo mondiale 2016, che è convinto a portare avanti con tutte le sue forze, né tantomeno nelle sue scelte per il futuro a lungo termine. A partire dal dilemma più importante: rinnovare o meno il contratto che lo lega alla Yamaha anche oltre l'attuale scadenza alla fine della prossima stagione? «Questa storia non cambia i miei piani – ribadisce Vale – Ho già un contratto firmato con la Yamaha per il 2016 e, se l'ho firmato, è perché avevo in programma di continuare a correre almeno per altre due stagioni. Quest'anno sono stato competitivo, ho fatto un buon lavoro, quindi posso provare a continuare l'anno prossimo. Dopo deciderò cosa accadrà».

La versione di Jorge
E Jorge Lorenzo? Lui continua ad andare per la sua strada, imputando tutte le colpe della battaglia senza esclusione di colpi scatenatasi nel finale di stagione a Valentino Rossi: «Penso che Vale si sia creato i problemi da solo – ha sostenuto nel corso di una recente e lunga chiacchierata con il giornalista spagnolo Manuel Pecino – Ha sbagliato a dire quelle cose nella conferenza stampa del giovedì a Sepang. Lo penso sinceramente: ha sbagliato. Perché se invece di attaccare pubblicamente Marquez e accusarlo di qualcosa di grave in modo così forte, avesse parlato personalmente con lui e cercato di risolvere gli incidenti in Argentina e ad Assen, probabilmente avrebbe ricostruito il loro rapporto. Invece, ha ottenuto l'opposto di ciò che cercava: ha svegliato la bestia».