2 giugno 2020
Aggiornato 13:00
Calcio internazionale

Milan, 4 botti di fine anno

Nell’amichevole di lusso disputata a Dubai contro il Real Madrid dell’ex Carlo Ancelotti, il Milan sfodera una delle migliori prestazioni dell’anno e vince per 4-2. In gol per i rossoneri Menez, El Shaarawy (2) e Pazzini. A fine gara tutto l’entusiasmo del Faraone: «Resto al Milan per vincere».

DUBAI - E adesso che a nessuno salti in mente di dire che Carletto Ancelotti ha agevolato la vittoria della sua ex squadra per fare un favore al suo pupillo Inzaghi. Chi conosce il tecnico del Real Madrid sa che non ama perdere neppure a briscola, figuriamoci al cospetto del suo amato Milan. Ecco perché dopo la partita di stasera bisogna fare tanto di cappello ai rossoneri di Pippo Inzaghi, capaci non solo di reggere botta di fronte a cotanto spessore tecnico, ma addirittura di fare la partita, rifilare 4 gol ai campioni d’Europa e del mondo in carica e strappare applausi convinti anche ai colleghi spagnoli.

DEVASTANTE IL TRIO MENEZ, EL SHAARAWY, BONAVENTURA - La partita ha subito preso una piega a tinte rossonere al minuto 24 quando Menez, favorito da un disimpegno sballato del difensore madridista Nacho, si è trovato solo davanti a Keylor Navas, lo ha fatto sedere con una finta e ha depositato il pallone in rete. Chi ha pensato «ecco, adesso li hanno fatti arrabbiare» deve essersi ricreduto in fretta, perché non solo non è arrivata la reazione del Real Madrid, ma Stephan El Shaarawy, messo in ritmo da un sontuoso Bonaventura, è riuscito a beffare per la seconda volta il portiere del Costarica e portare il Milan avanti di due gol.

RIPRESA ANCORA ROSSONERA - A quel punto i Blancos hanno provato a mettere la testa fuori dalla propria area di rigore arrivando anche ad accorciare le distanza con Cristiano Ronaldo, favorito da una rapidissima ripartenza di Jesè, ma nella ripresa la musica non è cambiata: Milan in avanti e Real Madrid a cercare di contenere e poi ripartire. Missione evidentemente non riuscita perché El Shaarawy prima ha fatto arrabbiare di brutto Pazzini per non avergli servito una palla a mezzo metro dalla porta vuota, poi si è tolto lo sfizio di realizzare una doppietta, ben servito da Poli. Quasi alla mezz’ora della ripresa è arrivato anche il gol dell’1-4 grazie ad un bel colpo di testa di Pazzini, particolarmente voglioso di mettersi in mostra.

Il rigore di Benzema ha solo reso meno amaro il passivo dei ragazzi di Ancelotti, evidentemente deluso a fine partita.

EL SHAARAWY: RESTO AL MILAN - Protagonista assoluto del match, Stephan El Shaarawy, al centro di numerose indiscrezioni di mercato, ma fermamente difeso da mister Inzaghi, anche nei momenti meno brillanti della stagione. Le sue parole sono un concentrato di soddisfazione personale e carica per il futuro: «Partite come questa danno tantissima fiducia. Il gol per un attaccante è importante a livello mentale quindi sono molto contento per aver segnato due gol al Real Madrid. È stata una bella soddisfazione anche di squadra, abbiamo confermato che stiamo facendo bene dopo Napoli e Roma. Adesso però dobbiamo continuare così, vogliamo fare bene in campionato e iniziare al meglio il 2015 perché l’ho già detto e lo ripeto, io resto al Milan ed è qui che voglio fare bene».

DJOKOVIC: DUE DELLE MIGLIORI SQUADRE AL MONDO - Parterre de rois a Dubai per Real Madrid-Milan: Novak Djokovic, il numero uno del tennis mondiale e notoriamente grande tifoso milanista, ha dimostrato di gradire lo spettacolo: «È sempre una bella esperienza poter venire qui e guardare una sfida così grande tra due squadre che sono probabilmente le migliori squadre di calcio del mondo per storia, per trofei, per tutto. Sono molto innamorato del calcio e di queste squadre (soprattutto una ndr)».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal