26 settembre 2021
Aggiornato 23:30
Finale di Champions League

Barbara Berlusconi: «Atletico esempio da seguire»

La figlia del patron rossonero: «Hanno un monte ingaggi minore del nostro e un fatturato che è circa la metà. Penso che l'Atletico abbia dimostrato che attraverso un'eccellente programmazione si possano ottenere risultati molto imnportanti»

LISBONA - Allo stadio Da Luz di Lisbona come spettatrice ci sarà anche Barbara Berlusconi, alla sua prima finale di Champions da quando è diventata amministratore delegato del Milan assieme ad Adriano Galliani. La figlia del patron rossonero, in un'intervista a Sky Sport 24, spiega i motivi della sua presenza in terra portoghese: «Perché a Lisbona? Avevo degli importanti rapporti di lavoro con gli sponsor e non potevo perdermi una grande serata di calcio».

Barbara si complimenta poi con l'Atletico Madrid, squadra rivelazione di questa stagione: «Sicuramente è un esempio, attraverso un progetto, una buona programmazione e un'efficiente rete di osservatori, anche senza infinite risorse si possono ottenere risultati importanti. Quest'anno hanno vinto la Liga confrontandosi contro club con risorse molto più consistenti - spiega l'ad rossonero -. Hanno anche un monte ingaggi minore del nostro e un fatturato che è circa la metà. Penso che l'Atletico abbia dimostrato che attraverso un'eccellente programmazione si possano ottenere risultati molto imnportanti».

Non poteva ovviamente mancare una considerazione sul futuro del suo Milan: «Ci tengo ad essere molto diretta nei confronti dei tifosi, questa è stata una stagione molto deludente e dobbiamo metterci al lavoro per riportare il Milan dove merita, l'obiettivo è di rivedere il Milan in Champions nel 15/16. Ancelotti in finale? Non mi sorprende molto, ha già avuto occasione di disputare numerose finali, quello che mi sorprende in modo positivo è Simeone e l'Atletico».