2 dicembre 2020
Aggiornato 03:30
Il dibattito alla Camera

Giorgia Meloni durissima contro Giuseppe Conte: «Pazzi irresponsabili, diteci che cavolo state facendo?»

Lo ha detto il Presidente di FDI intervenendo alla Camera sulle proroga dello stato di emergenza richiesta dal governo e approvata già ieri al Senato tra mille polemiche: «Dove vuole arrivare l'Esecutivo»

Video Agenzia Vista

«La proroga dello stato di emergenza è un tassello di una deriva liberticida. Fatto gravissimo». Lo ha detto Giorgia Meloni intervenendo alla Camera sulle proroga dello stato di emergenza richiesta dal governo e approvata già ieri al Senato tra mille polemiche. Parole pronunciate poco dopo quelle di Giuseppe Conte, che aveva parlato di «affermazioni gravissime» nei suoi confronti, proprio quelle sulla «deriva liberticida» immediatamente confermata dalla Meloni.

Rampelli: «Conte ride mentre Meloni parla,chieda scusa»

«Che il presidente Giuseppe Conte rida alla presidente Giorgia Meloni mentre interviene in aula sulla proroga dello stato di emergenza è un'offesa alla donna, alla deputata, agli italiani, un insulto al momento drammatico che l'Italia sta vivendo. Ci auguriamo che presenti le sue scuse». È quanto ha scritto su Twitter il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d'Italia.

Silvestri: «Pandemia non è finita, Meloni irresponsabile»

«Dopo aver ascoltato la Meloni in Aula, mi chiedo senza andare tanto lontano dall'Italia, la leader di Fratelli d'Italia legge le notizie che arrivano e sono pubblicate ovunque di nuovi focolai di Covid in Spagna e in Germania, che ha fatto registrare 700 nuovi casi nelle ultime ventiquattro ore? Li legge i dati in Europa e nel mondo? Un mondo che piaccia o no è sempre più interconnesso. L'epidemia non è finita. Una rappresentante di una importante forza politica dovrebbe utilizzare responsabilità quando di mezzo c'è la salute dei suoi concittadini, ma la Meloni pare aver dimenticato tutto questo». Lo dichiara in una nota il parlamentare del MoVimento 5 Stelle Francesco Silvestri.