7 agosto 2020
Aggiornato 20:00
L'emergenza

Coronavirus, Conte: «No a discriminazioni, governatori del Nord si fidino delle autorità»

Il Presidente del Consiglio: «Ieri sera al termine della riunione ho invitato tutti a stare attenti perché qualche segnale di discriminazione potrebbe tramutarsi in episodi di violenza»

Video Agenzia Vista

LONDRA - «In Italia da subito abbiamo adottato una soglia di prudenza molto alta: abbiamo bloccato il traffico aereo, dichiarato lo stato d'emergenza, ci siamo messi nelle condizioni di poter proteggere al meglio la salute degli italiani. Ora però le esagerazioni ci fanno male. C'è un criterio di adeguatezza delle misure, se si va oltre si fa un fanno agli italiani». Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, incontrando i giornalisti a Londra, a proposito della richiesta dei governatori della Lega su una stretta delle misure anti-coronavirus nelle scuole.

Governatori del Nord si fidino

«Ogni forza politica è libera di fare valutazioni, ma poi dobbiamo ritrovarci su obiettivi comuni e un approccio condiviso», ovvero in primo luogo che «ci si può fidare di autorità scolastiche e sanitarie. Se entrambe queste autorità ci dicono una cosa, invito i governatori del Nord a fidarsi di chi ha una specifica competenza» e dice che «non ci sono le condizioni» per una misura come quella richiesta. «Ieri mi è stato chiesta anche la sospensione Schengen, ma non ci sono le condizioni neppure per questo», ha aggiunto Conte.

Attenti ai segnali di discriminazione

E sugli episodi di discriminazione, anche violenta, nei confronti di cittadini di etnia cinese, Conte ha aggiunto: «Ieri sera al termine della riunione ho invitato tutti a stare attenti perchè qualche segnale di discriminazione potrebbe tramutarsi in episodi di violenza. Chiunque ha un ruolo di rappresentanza politica ha un dovere di dare un messaggio di serenità e tranquillità, la situazione è assolutamente sotto controllo. Nessuno pensi di approfittare di questa situazione per azioni discriminatorie o addirittura per episodi di violenza».