2 giugno 2020
Aggiornato 01:00
Centrodestra

Matteo Salvini «tifa» BCE: Compri più titoli o l'Italia esplode

Il leader della Lega: «Un paese distrutto non rende i prestiti. Un paese in piedi sì. Daremo il via a un discorso che ha un filo conduttore preciso: la libertà. Di culto, di studio, di impresa, di movimento»

Il leader della Lega, Matteo Salvini
Il leader della Lega, Matteo Salvini ANSA

ROMA - «Io sottoscrivo quello che dicono Cottarelli e Moavero. Ricorrere al Mes servirebbe solo a dire ai mercati che siamo in difficoltà. La mia idea è che la BCE dovrebbe stampare moneta. E acquistare titoli illimitatamente. Ricorda Draghi?». Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, intervistato dalla Stampa. Ricordo - obietta l'intervistatore - che la Bce compra 200 miliardi di titoli italiani. «Potrebbe raddoppiare», ha replicato Salvini. Non le interessano l'esplosione di debito e inflazione? «Mi interessa - ha ribadito il leader leghista - che non esploda l'Italia. E le dico di più: un paese distrutto non rende i prestiti. Un paese in piedi sì. A meno che, per qualcuno, la soluzione non sia vendere le nostre infrastrutture alla Cina».

«Primo maggio operativi ma non in piazza»

Senatore, il primo maggio violate la legge e scendete in piazza? «No. Il primo maggio saremo operativi, ma non in piazza. Faremo valere - ha spiegato - la voce di chi non è stato ascoltato. La nostra pazienza si è esaurita». Che cosa significa? «Lo vedrete oggi». Non sembra rassicurante. «Rassicurantissimo. Avremo rispetto - ha puntualizzato Salvini - delle norme e della prudenza. Ma daremo il via a un discorso che ha un filo conduttore molto preciso: la libertà. Di culto, di studio, di impresa, di movimento. Sa quanti moduli di autocertificazione hanno stampato gli italiani? Undici milioni. Figuriamoci se mi devo anche mettere a scrivere se ho una relazione stabile o burrascosa per andare a trovare qualcuno».

«Fase 2? Deciderà il Parlamento»

«Presenteremo una Grande piano di ricostruzione nazionale e sarà il Parlamento non la tv o uno scienziato a concedere a qualcuno di riaprire, non siamo in monarchia ma in una Repubblica, la sovranità appartiene al popolo e come Lega faremo il possibile perché torni a essere così, qualcuno gioca con l'incertezza e con il rinvio». Lo ha detto Matteo Salvini in un video su Facebook

«Sono sicuro - ha aggiunto il leader della Lega - che alla fine il buon senso vincerà, vincerà l'Italia libera, indipendente, sovrana, ora leggo che qualcuno se la prende coi sovranisti per il virus, ma ragazzi! siamo veramente su Scherzi a parte, noi aiutiamo, mano nella mano, come si e ricostruito il ponte di Genova questo paese lo riportiamo al bello. Abbiamo idee chiare, prospettive e coraggio».

«Torniamo liberi, poteri forti ci vogliono chiusi»

«Torniamo liberi, libertà economica, di lavoro, di guadagno, d culto, educativa, con gli emendamenti non si va da nessuna parte fidandoci delle promesse del governo siamo arrivati al ventotto di aprile, e la cassa integrazione ancora non c'è , siamo a maggio. Gli italiani hanno portato pazienza per cinquanta giorni ma non si può vedere la morte sociale ed economica, qua si rischia di sopravvivere all'epidemia arrivata da quella Cina che ora vuole comprarsi aziende e alberghi, quella è una dittatura, un regime e io non voglio vedere il futuro degli italiani in mano a un regime».

«torniamo a produrre, torniamo italiani, basta reclusione alla faccia di ogni vincolo costituzionale - insiste il leader della Lega secondo il quale » c'è la scelta di qualcuno di tenere chiuso, di tenere gli italiani al guinzaglio». Quindi Salvini rivolge a un appello a tutti i suoi simpatizzanti 'stateci vicino perché ci sarà bisogno di voi, questa non è la battaglia di un partito ma di un popolo, da una parte gli italiani dall'altra i poteri forti che ci tengono chiusi magari per svendere i gioielli di famiglia».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal