14 novembre 2019
Aggiornato 06:30

Manovra, l'«appello» di Roberto Gualtieri: «Ok a modifiche ma no a passi indietro sulla lotta all'evasione»

Il Ministro dell'Economia in audizione in commissione Finanze: «Se l'Italia non affronta seriamente questo problema non risolverà mai i problemi strutturali»

Il Ministro dell'Economia, Roberto Gualteri
Il Ministro dell'Economia, Roberto Gualteri ANSA

ROMA - «Invito il Parlamento a lavorare per migliorare i provvedimenti ed evitare che possano avere effetti non voluti ma allo stesso tempo mi aspetto che il Parlamento sostenga l'impegno forte del Governo al contrasto dell'evasione fiscale». E' quanto ha riferito il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, nel corso di un'audizione sul dl fiscale in commissione Finanze della Camera.

«L'evasione è un problema serio da risolvere»

«Per il complesso delle misure - ha aggiunto - penso sia bene che non si facciano passi indietro sul fronte della serietà e dell'incisivita delle misure di contrasto all'evasione fiscale. E' chiaro - ha sottolineato Gualtieri - che c'è un dibattito ma questo è il segno della determinazione politica del governo a fare sul serio sul contrasto all'evasione fiscale. Se l'Italia non affronta seriamente questo problema non potrà mai risolvere i problemi strutturali».

«Al lavoro con operatori su taglio commissioni»

«Siamo impegnati nella realizzazione di un Protocollo di intesa con gli operatori per la riduzione delle commissioni e l'eliminazione totale sotto una certa soglia». Lo ha riferito il ministro dell'Economia sottolineando che con il provvedimento si dà una «forte spinta all'uso dei pagamenti elettronici e un disincentivo all'uso del contante, con proporzionalità e gradualità di applicazione».

«Pronti a dialogo per migliorare norma appalti»

«Siamo pronti a dialogare con le associazioni di categoria e con il Parlamento per migliorare la norma per essere certi che sia in grado di colpire in modo più efficace e più mirato gli illeciti, che sono estremamente diffusi, e sarebbe sbagliato girarsi dall'altra parte e ignorare il fenomeno. Sono certo - ha affermato il ministro - che su questo articolo 4 avremo modo di approfondire il dialogo». Tra le possibili modifiche che possono essere apportate, ha proseguito Gualtieri, si potrebbe «circoscrivere meglio l'ambito di applicazione della norma per esempio limitarla alla somministrazione di manodopera e non a tutti i meccanismi di appalto, subappalto e affidamento o ampliando ambito clausole esclusione che già esistono con scopo di evitare che le imprese sane abbiano un obbligo più pesante dal punto di vista amministrativo».