24 ottobre 2019
Aggiornato 06:30

La promessa di Graziano Delrio: «A ottobre la legge per l'assegno unico per i figli»

Il capogruppo PD alla Camera: «240 euro mensili. Escluse le famiglie con reddito sopra i 100.000 euro». Lepri: «Su assegno figli Pd accelera, sarà rivoluzione»

Il capogruppo PD alla Camera, Graziano Delrio
Il capogruppo PD alla Camera, Graziano Delrio ANSA

ROMA - L'assegno unico per i figli è «un vero pilastro per il sistema di welfare del nostro Paese». Così il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio spiega in un'intervista a RadioinBlu la proposta di legge che sarà all'esame della Camera in ottobre a sostegno delle famiglie che prevede l'assegno unico per i figli e la dote per i servizi alla famiglia.

240 euro mensili

«Finalmente abbiamo una data per l'esame di questo provvedimento - continua Delrio - ed è un risultato che mi dà particolare soddisfazione. Infatti, è una proposta che abbiamo presentato il primo giorno di questa legislatura. Si tratta di norme che fanno in modo che per ogni figlio che nasce la famiglia ha diritto a un sostegno economico (240 euro mensili, escluso chi ha un reddito superiore ai 100mila euro) e un sostegno in termini di servizi. Sarà possibile riorganizzare in modo semplice e universale una serie di interventi frammentari e discontinui. Per esempio raggiunge chi oggi non ha diritto a detrazioni come i lavoratori autonomi o gli incapienti. Un'idea - conclude il capogruppo democratico - legata al principio che ogni figlio è una ricchezza per tutti, un patrimonio della società».

Lepri: «Su assegno figli Pd accelera, sarà rivoluzione»

«Il Pd accelera e calendarizza in aula a ottobre alla Camera la sua proposta di legge sull'assegno unico e la dote unica per i figli. Oggi gli strumenti previsti sono complicati, iniqui, discontinui, poco finanziati. Domani, con l'assegno unico, avremo una misura semplice, equa, continuativa e con una ben maggiore dotazione. È una misura che non si limita ai primi anni di vita, ma dura per tutto il periodo in cui i figli sono a carico. Sarà quindi una vera rivoluzione. A sostegno delle famiglie, della natalità e della genitorialità». Lo sottolinea il deputato dem Stefano Lepri, primo firmatario della proposta di legge sull'assegno unico e la dote unica per i figli.