12 novembre 2019
Aggiornato 01:01
Forum Ambrosetti

Governo, l'opinione di Mario Monti: «Cambia il rapporto con l'Europa»

Il Senatore a Vita: «Quella di Paolo Gentiloni, indicato dal governo come commissario europeo, è un'ottima scelta»

Mario Monti, Senatore a vita della Repubblica
Mario Monti, Senatore a vita della Repubblica ANSA

CERNOBBIO - Nel nuovo governo «mi sembra che ci siano aspetti decisamente positivi, soprattutto se lo si compara al precedente. È un governo che è molto comune al governo precedente perché uno dei due partiti è il medesimo e il presidente del consiglio è il medesimo ma sembra che il processo di maturazione sia stato veloce nel corso dell'ultimo anno». Lo ha detto il senatore a vita Mario Monti, a margine dei lavori del forum Ambrosetti a Cernobbio. «Resta da vedere quanto il programma e l'impegno a perseguirlo registreranno una discontinuità grande», ha aggiunto.

«Cambia il rapporto con l'Europa»

Ciò che cambia, secondo Monti, è il rapporto con l'Europa: «Il governo precedente pensava e dichiarava in alcuni suoi illustri e vigorosi componenti di voler dare una spallata all'Europa e che dopo le elezioni di maggio sarebbe cambiata. L'Europa sta cambiando, credo per il meglio ma certamente non ha risentito delle intenzioni distruttive da parte dei sovranisti». La commissione guidata da Ursula von der Leyen «e gli Stati membri - ha chiosato Monti - avranno moltissimo da fare e dovranno cambiare registro rispetto agli ultimi dieci anni in un senso comunitario. Se no la prossima volta i sovranisti potrebbero arrivare davvero».

«Gentiloni ottima scelta»

Quella di Paolo Gentiloni, indicato dal governo come commissario europeo, «è un'ottima scelta per la statura della persona, per l'esperienza internazionale e europea, per la capacità di raccordare posizioni che il diplomatico Gentiloni porta con sé. Sono molto lieto di questa scelta».