17 giugno 2019
Aggiornato 04:30
Centrosinistra

Gentiloni: «Da molte settimane non non abbiamo un Governo che prende decisioni»

L'ex Presidente del Consiglio e Deputato del PD: «Procedura d'infrazione? Per negoziare non bisogna essere isolati»

Il Deputato del PD, Paolo Gentiloni
Il Deputato del PD, Paolo Gentiloni ( ANSA )

ROMA - «E' un avviso importante perché fotografa una situazione allarmante. Il problema non è tanto la procedura di infrazione ma quello che ne è all'origine cioè la scarsa crescita, l'aumento del debito, la mancanza di lavoro, l'aumento della pressione fiscale. Questo ci deve preoccupare. Bruxelles dice che è aumentato lo spread, che la crescita è zero, che il debito sta salendo, che c'è uno stop delle riforme. E cos'altro dovrebbe scrivere per far capire anche a Di Maio che la responsabilità è del suo governo?». Così Paolo Gentiloni, deputato Pd, già presidente del Consiglio, già Ministro degli esteri ha parlato al Giornale radio Rai - Radio1.

Per negoziare bisognerebbe non essere isolati

«Temo un atteggiamento a metà tra chi dice: 'Tireremo dritto' e chi dice: 'vogliamo negoziare'. Ma tirare dritto è pericoloso, e per negoziare bisognerebbe non essere isolati come siamo noi in Europa. Non sono in grado di fare previsioni ma già da molte settimane non abbiamo un governo che prende le decisioni che sono necessarie».

Smeriglio: «Spaccare blocco populista»

«Nessuna alleanza con i 5 Stelle, ma dobbiamo riprendere il dialogo con il popolo di sinistra che li ha votati per rabbia o disperazione. Ora il Pd di Zingaretti ha riconquistato la credibilità per tentare questo recupero su un blocco sociale che è appassionato di beni comuni, acqua pubblica, partecipazione e legalità. Dobbiamo tenere altissima la tensione con i vertici che tengono in piedi il governo Salvini. Noi, per il bene del Paese, vogliamo andare al voto presto, sul serio, e allora puntiamo a spaccare il blocco nazionalpopulista e dare una scossa alla scena politica». Lo afferma l'eurodeputato Pd Massimiliano Smeriglio in un'intervista al Manifesto.