I commenti del ferrarista al termine della due giorni di prove

Sebastian Vettel: «Guidare questa Ferrari è sempre un piacere»

Anche al termine di una giornata di test piena di problemi tecnici come quella di ieri in Bahrein, il pilota tedesco è ottimista: «I tempi contano poco, visto che non sapevamo che programma stessero svolgendo i nostri avversari»

Sebastian Vettel in azione nei test di Sakhir
Sebastian Vettel in azione nei test di Sakhir (Ferrari)

AL SAKHIR – Stavolta non c’è stato bisogno di estendere le prove: alle 18 locali (le 17 in Italia) la SF70H di Sebastian Vettel ha parcheggiato ai box a conclusione dell'ultima giornata di lavoro a Sakhir. 67 i giri compiuti, il migliore in 1:31.574 con pneumatici a mescola morbida. Ieri i test Pirelli per il vincitore del Gran Premio del Bahrein, oggi un normale programma di prove stagionali. «Sarebbe stato bello provare anche di più – ha detto Sebastian a fine giornata – ma oggi abbiamo avuto qualche piccolo problema in mattinata, come è normale durante i test, e poi nel pomeriggio abbiamo perso parecchio tempo per un blackout elettrico nel nostro garage». Un fatto non raro nelle sessioni di prove, dove si usano numerosi set di gomme e le resistenze delle termocoperte assorbono parecchia energia. «Ad ogni modo – conclude Seb – guidare questa macchina è sempre un piacere. I tempi contano poco, visto che non sapevamo che programma stessero svolgendo gli altri». Si conclude così il primo test previsti nel corso della stagione 2017. La prossima sessione è in programma a luglio in Ungheria.