20 giugno 2024
Aggiornato 11:00
Capigruppo e vicepresidenti

Capigruppo, Pd alla (disperata) ricerca di un'intesa, Renzi si impunta su Guerini-Marcucci

E la minoranza minaccia: ci ascolti o, sui vice-presidenti delle Camere...

Maurizio Martina.
Maurizio Martina. Foto: Ettore Ferrari ANSA

ROMA - Il Pd cerca un'intesa sui capigruppo, una scelta che sarà «plurale e unitaria», assicura Maurizio Martina, ma gli umori in casa democratica sono tutt'altro che sereni. Nelle scorse ore proprio Martina ha tenuto i contatti con tutti i big del partito e l'indicazione che emerge è la determinazione di Matteo Renzi di insistere sui nomi di Lorenzo Guerini alla Camera e Andrea Marcucci al Senato. Due renziani, appunto, il primo sostanzialmente ben accetto dal gruppo di Montecitorio, il secondo parecchio contestato, dalla minoranza ma anche dai franceschiniani come Luigi Zanda.

Alla ricerca di un'intesa
Martina, raccontano, avrebbe cercato di siglare un'intesa che comprenda anche le vice-presidenze di Camera e Senato (al Pd ne tocca una per Camera) e i questori nei due rami del Parlamento. Ma i renziani, secondo alcune ricostruzioni, per ora non intendono allargare la trattativa. Anzi, secondo alcune voci della minoranza Renzi vorrebbe persone 'sue' anche alle vice-presidenze delle Camere, come Teresa Bellanova al Senato e Ettore Rosato o alla Camera (Maria Elena Boschi ha già smentito di essere candidata a quel ruolo).

La minaccia della minoranza
«Se loro vogliono fare l'asso pigliatutto - avverte un esponente di minoranza - devono sapere che sarà guerra. I capigruppo li possono eleggere anche forzando, hanno i numeri. Ma per i vice-presidenti di Camera e Senato il discorso cambia e noi possiamo fare accordi trasversali...». Il Pd, da solo, non ha i numeri per eleggere un vice-presidente e può riuscirci solo grazie a un'intesa con altre forze. La minoranza, allora, minaccia di trattare autonomamente con il centrodestra e M5s, se Renzi dovesse tentare di imporre i suoi. E, implicitamente, minaccia di far mancare i numeri ad eventuali accordi renziani.

\