15 ottobre 2019
Aggiornato 20:00
Legge elettorale

Grillo attacca il Pd: «Sostiene il Pregiudicatellum e Berlusconi per impedirci di vincere»

Gli esponenti del Movimento 5 stelle denunciano dal blog di Beppe Grillo la condotta del Partito democratico che ha preferito votare a favore di Silvio Berlusconi nonostante la sua presunta incandidabilità

Beppe Grillo attacca il Pd dal suo blog.
Beppe Grillo attacca il Pd dal suo blog. ANSA

ROMA - «Il Pd preferisce stare dalla parte dei pregiudicati piuttosto che dalla parte della legalità». Lo scrive il M5s in un post sul blog di Grillo dal titolo «Il Pregiudicatellum» dedicato alla riforma della legge elettorale. «Ieri - prosegue il testo dei pentastellati - il presidente dei senatori dem Zanda lo ha confessato candidamente. Il nostro emendamento che vieta di fare il candidato premier ai condannati non è contro Berlusconi, ma solo a favore della legalità nelle istituzioni che dovrebbe essere il valore principale di chi si candida a governare il nostro Paese». I grillini si chiedono: «Come si può pensare che, chi non ha le condizioni, per legge, per potersi candidare in Parlamento, possa addirittura aspirare a governare il nostro Paese?».

L'attacco al Pd dal blog di Grillo
E promettono che se il Pd voterà contro questo nostro emendamento «si assumerà la responsabilità di consentire a un pregiudicato per un reato gravissimo come la frode fiscale di poter condurre un Paese che muore proprio a causa delle frodi fiscali sui grandi patrimoni». Secondo il M5S «sarebbe l'ennesima prova che tra il PD e FI non c'è alcuna differenza». Anzi, loro «sono perfetti alleati, come dimostra il loro appoggio al Rosatellum 2.0: una proposta di legge incostituzionale, fatta apposta per impedire al MoVimento 5 Stelle di andare al Governo». Quando Zanda per conto del Pd dice che non voterà la proposta dei grillini «sta dicendo che preferisce tutelare un pregiudicato pur di togliere milioni di voti alla principale forza del Paese».

Caro Zanda perché non approvi la legge contro i vitalizi?
Ma dal Pd «non c'è da aspettarsi altro, come abbiamo visto in passato, dato che non hanno mai voluto approvare una serie legge contro il conflitto d'interessi, tutelando l'interesse dell'ex Cavaliere, e di tanti altri furbetti e disonesti». Caro Zanda, perché invece di pensare a come salvare Berlusconi non pensi ad approvare la legge contro i vitalizi dei parlamentari al Senato, del cui rinvio «sei il principale responsabile»? Qui l'unica legge «ad personas» è la legge elettorale «che volete approvare contro milioni di italiani onesti, che si ricorderanno di voi quando finalmente potremo tornare a votare, e vi manderanno a casa», conclude il Movimento 5 stelle.