8 aprile 2020
Aggiornato 04:31
Politica & Corruzione

«Cantone non dovrà sovrapporsi alla Magistratura»

Lo ha dichiarato Alessia Morani, Responsabile Giustizia del Partito Democratico, alle telecamere di Klaus Davi: «Dobbiamo evitarlo, è un equlibrio molto delicato». Zaia: «Corruzione finirà solo per via politica». Squinzi: «Imprenditori corrotti non possono stare tra noi». Bianchi (Ncd): «Confisca beni per politici che rubano».

ROMA - «Noi dobbiamo evitare che si sovrapponga l'autorità anticorruzione al lavoro della magistratura. E' un equilibrio molto delicato, dobbiamo evitare le sovrapposizioni, quindi anche questo conferimento di potere a Cantone deve assolutamente tener conto che la magistratura, verso la quale noi abbiamo fiducia e alla quale diamo sostegno, stava facendo un ottimo lavoro. Occorre, ripeto, evitare che ci siano sovrapposizioni. Credo che lo stesso Cantone che è un pm anticamorra abbia la consapevolezza che occorre tenere ben distinti i ruoli». Lo ha dichiarato Alessia Morani, Responsabile Giustizia del Partito Democratico, alle telecamere di Klaus Davi, conduttore di KlausCondicio, talk in onda su You Tube.

CI VUOLE EQUILIBRIO - «Rispetto alla vicenda Expo che è una grande opportunità, una grande vetrina per il nostro Paese - ha detto ancora - noi dobbiamo individuare un meccanismo attraverso il quale si fa pulizia e però si fa anche Expo. Non possiamo assolutamente permetterci di perdere questa occasione; nel decreto, che arriverà nel consiglio dei ministri di venerdì prossimo, in cui ci sarà il conferimento dei poteri ufficiali a Cantone, lì si vedrà qual è il punto di equilibrio tra le cose che ha detto prima e che io condivido. Ci vuole un grande equilibrio perché in questo momento non possiamo permetterci che le opere si blocchino e non possiamo neppure permetterci che tutti questi soggetti che ruotano nel malaffare siano ancora ad una distanza siderale».

ZAIA: CORRUZIONE FINIRÀ SOLO PER VIA POLITICA - «Sono assolutamente d'accordo con il Procuratore Carlo Nordio quando dice che la corruzione non finirà mai per via giudiziaria, ma solo per via politica. Debbo anche dire che i Pubblici Ministeri, e quindi anche la procura di Venezia, ha fatto un bel lavoro, nel senso che ha costruito un impianto accusatorio puntuale, e che, vedremo se verrà confermato, ma comunque c'è molto materiale». Cosi Luca Zaia, presidente del Veneto, interviene a Mix24 su Radio 24. «Sono d'accordo con Nordio anche quando sostiene che i magistrati non possono sostituire i politici e che bisogna snellire i controlli e fare meno passaggi, meno regole, per diminuire la corruzione. Come l'esempio delle porte: se tu devi aprire 50 porte per avere un'autorizzazione, - conclude Zaia a Mix24 - si finisce, poi, che qualche cerniera deve essere lubrificata perché qualcuno non ti apre la porta. Meno procedure, meno sovrastrutture, significa anche più qualità».

BIANCHI (NCD): CONFISCA BENI PER POLITICI CHE RUBANO - «Confisca dei beni per i politici che rubano. E' questa una delle misure che il governo dovrebbe valutare tra i provvedimenti in discussione. Occorre una misura forte che distingua, in maniera netta, la cattiva dalla buona politica, chi delinque da chi invece si batte ogni giorno per l'affermazione della legalità e della trasparenza. Se non si agisce con determinazione faremo solo un favore all'antipolitica». E' quanto dichiara in una nota il vicecapogruppo del Ncd alla Camera, Dorina Bianchi.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal