21 marzo 2019
Aggiornato 22:30
Crisi siriana

Siria, quasi 20.000 morti nel 2018

Lo ha reso noto l'Osservatorio siriano per i diritti umani: 6.349 civili. Intanto i jihadisti dell'Isis lanciano razzi sulla cittadina liberata a Hama

Siria, quasi 20.000 morti nel 2018
Siria, quasi 20.000 morti nel 2018 ANSA

DAMASCO - Il 2018 è stato l'anno meno sanguinoso per la Siria dall'inizio del conflitto, nel marzo 2011: lo ha reso noto l'Osservatorio siriano per i diritti umani, riferendo di un bilancio di quasi 20.000 morti negli ultimi dodici mesi. «Nel 2018, abbiamo registrato il più basso numero di morti in un anno», dall'inizio del conflitto, ha detto il direttore dell'Osservatorio, Rami Abdel Rahman, evocando la cifra di 19.666 persone uccise, tra cui 6.349 civili.

Raid iracheni su «covo» Isis in territorio siriano

Jet dell'aviazione irachena hanno compiuto oggi raid contro «un covo» jihadista dello Stato Islamico in territorio siriano. Lo ha annunciato l'ufficio media del Comando delle operazioni dell'esercito iracheno. «Dietro direttive del Comandante generale delle forze armate, Adel Abdel Mehdi (...) e sulla base di informazioni di intelligence una cellula di agenti dell'intelligence ed aerei F16 iracheni hanno assestato un doloroso colpo (contro l'Isis) nella zona di Sousse all'interno del territorio siriano» si legge in un comunicato diffuso sulla pagina Facebook dell'ufficio media dell'esercito. «L'obbiettivo - prosegue il comunicato - che è stato completamente distrutto, era una casa di due piani usata come covo dai terroristi per tenere le loro riunioni, ed il colpo è avvenuto mentre era in corso una riunione alla quale erano presenti 30 importanti dirigenti delle bande dell'Isis».

Due giorni, il presidente siriano Bashar al Assad ha ricevuto a damasco, il Consigliere per la sicurezza irachena, Faleh al Fayyad, latore di un messaggio del premier iracheno Mehdi. In un comunicato diffuso al termine dell'incontro, la presidenza siriana ha affermato che Iraq e Siria sono d'accordo a continuare a coordinarsi nella «guerra al terrorismo».

Jihadisti dell'Isis lanciano razzi su cittadina liberata a Hama

E' di almeno due civili feriti il bilancio di un'attacco compiuto da jihadisti dello Stato Islamico (Isis) su una cittadina nella provincia siriana Hama liberata dal regime. Lo riferiscono media governativi. «Questa sera, gruppi terroristici armati che, sparpagliati nei pressi della cittadina al Latmana della zona de-militarizzata, hanno lanciato una pioggia di razzi su quartieri abitati della città di Mahradah causando il ferimento di due civili», ha riferito l'agenzia di stampa ufficiale Sana.