23 giugno 2024
Aggiornato 02:30
In primo piano

Gaza: si aspetta l'attacco via terra. Hamas: «Respinta un'infiltrazione israeliana»

L'operazione «piombo fuso» ha provocato finora più di quattrocento vittime

All' ottavo giorno dell' offensiva israeliana nella striscia di Gaza non si intravedono spiragli di tregua. Si aspetta, e si teme invece l' attacco di terra, dato per imminente e preceduto anche oggi da raid e bombardamenti, nel corso dei quali è stato ucciso un altro comandante militare di Hamas.

Le Brigate Ezzedine al-Qassam, ala militare di Hamas, hanno annunciato di aver respinto un tentativo d'infiltrazione via terra nella Striscia di Gaza da parte di un commando delle forze speciali israeliane, di cui però non viene specificata la consistenza. Gli stranieri da ieri hanno cominciato a lasciare la striscia, e dal suo esilio siriano il leader Khaled Meshaal, ha gia anticipato che Hamas «non si arrenderà mai» e eventuale operazione di terra si risolverà in una tragedia per Israele. Una ulteriore tragedia, visto che l' operazione piombo fuso ha provocato finora più di quattrocento morti, un centinaio dei quali civili, compresi i bambini.