19 giugno 2019
Aggiornato 21:00
Valute

Il futuro dell'Euro: cosa segue al ritiro della banconota da 500 euro?

Non tutti i Paesi europei sono stati felici della decisione di eliminare gradualmente la banconota da 500 euro, fra questi troviamo la Germania, dove l'80% delle attuali transazioni sono ancora condotte in contanti

Il futuro dell'Euro: cosa segue al ritiro della banconota da 500¤?
Il futuro dell'Euro: cosa segue al ritiro della banconota da 500¤? ( ANSA )

Già dal 1 gennaio 2019 la sua produzione è stata interrotta e dopo mesi di pesanti discussioni, la Banca Centrale Europea - BCE - ha deciso di iniziare il processo di eliminazione graduale della banconota da 500€ nel tentativo di frenare il riciclaggio del denaro e, addirittura, il finanziamento del terrorismo. Secondo ciò che si è potuto constatare da diverse indagini infatti, coloro che operano in attività illecite così come anche gli evasori, hanno sempre prediletto l’utilizzo della banconota viola. Pochi pezzi infatti, permettono di raggiungere importi elevati.

Cosa succede ai 500€ ancora in circolazione?

Prendendo in considerazione il cittadino italiano medio, sono veramente pochi coloro che hanno avuto la fortuna di avere in mano una banconota di questo taglio, ma nel caso in cui doveste trovarvi a maneggiare una banconota da 500€ proprio adesso, niente paura! Questa banconota è infatti comunque valida e, di conseguenza, sará possibile effettuare pagamenti normalmente e praticamente in qualsiasi negozio. Un’altra soluzione è anche quella di cambiare queste banconote presso una Banca Centrale, operazione che non ha vincoli di tempo. In poche parole, l’utilizzo di banconote da 500€ proseguirá normalmente, ma considerato il blocco della produzione, si andrá incontro al loro progressivo esaurimento nel tempo.

Ma esistono ulteriori ragioni legate al ritiro?

Per alcuni, il ritiro delle banconote da 500€ va ben oltre la motivazione della semplice attività criminale. La mossa potrebbe anche significare una spinta maggiore verso un'economia senza contanti, in cui le carte di credito, i pagamenti digitali e le criptovalute andranno a dominare. Sono giá molti gli ambienti in cui il pagamento digitale la fá da padrone, basti pensare all’online shopping, al gioco online o, per i fanatici dello sport, ai portali di scommesse sportive in Italia.

Eliminare la banconota puó sicuramente aiutare a frenare l'attività criminale, ma in realtà le implicazioni sembrerebbero molto più ampie, questo è ció che pensano anche gli analisti di Stratfor Global Intelligence, un’agenzia americana specializzata in analisi geopolitiche e di intelligence.

In effetti, i governi hanno anche una valida ragione per ambire a creare una società senza contanti: le transazioni digitali infatti, rendono molto più facile regolare i flussi di cassa in entrata e in uscita da un determinato Paese, permettendo cosí di tenere traccia dei movimenti. E alcuni esperti sono anche pronti a scommettere che presto altre valute di alto valore in tutto il mondo saranno prossime a scomparire. Peter Sands, ex CEO di Standard Charter, in un documento, si pone a favore dell’eliminazione dei 1.000 franchi svizzeri e della banconota da 100$, ad esempio.

Nel frattempo, i paesi scandinavi - Danimarca, Norvegia e Svezia - stanno già aprendo le porte alla società senza denaro, anche perché non riescono a tenere traccia dei contanti e sospettano che gran parte della loro valuta venga utilizzata per attività illegali. La Danimarca si è persino posta l'obiettivo di operare totalmente senza contanti entro il 2030.

Non tutti i Paesi europei sono peró stati felici della decisione di eliminare gradualmente la banconota da 500€, fra questi troviamo la Germania, dove l'80% delle attuali transazioni sono ancora condotte in contanti. Non solo i tedeschi apprezzano l'anonimato che il denaro contante permette di avere, ma il paese ha anche sperimentato diverse epoche di iperinflazione nella Prima e Seconda Guerra Mondiale, che potrebbero aver indotto questo paese a preferire la detenzione di denaro in caso di future crisi finanziarie.

Per quanto riguarda le criptovalute, Bitcoin è probabilmente la piú famosa fra tutte. Bitcoin non è peró «ancorato» a nessuna altra valuta che abbia una banca centrale per controllare le sue fluttuazioni di valore. E mentre l'Unione Europea tenta di sopprimere i contanti usati nelle transazioni illegali, l'anonimato e la mancanza di regolamentazione del mercato, Bitcoin ha facilitato un anello di droga da miliardi di dollari nella Silk Road. Quindi, un mondo senza contanti è davvero la soluzione?

In ogni caso, mentre le banconote dal valore piú alto vengono eliminate, i pezzi più piccoli sono ancora destinati a rimanere in circolazione. Per ora infatti, non è stato annunciata nessuna notizia riguardante una loro possibile riduzione.