9 dicembre 2019
Aggiornato 20:30
Politiche europee

Manovra, in Europa hanno prevalso le colombe

Il trio Juncker-Moscovici-Dombrovski ha spinto sulla «linea morbida». La decisione, come avviene da molti anni, è stata raggiunta per «consensus», senza un voto nominale

Il Premier Giuseppe Conte con il Presidente del Parlamento europeo, Jean Claude Juncker
Il Premier Giuseppe Conte con il Presidente del Parlamento europeo, Jean Claude Juncker ANSA

BRUXELLES - Ci sono state voci inizialmente contrarie, oggi alla riunione del collegio dei commissari europei, alla linea poi decisa di non avviare una procedura per deficit eccessivo a carico dell'Italia. A quanto si apprende a Bruxelles, i soliti «falchi» dell'esecutivo comunitario avrebbero preferito un atteggiamento punitivo (solitamente su questo versante vengono annoverati il tedesco Gunter Oettinger, responsabile del Bilancio, e il finlandese Jyrki Katainen, vicepresidente e responsabile di crescita e lavoro).

Ma nonostante queste resistenze, dopo l'accordo tecnico sulla manovra di Bilancio, che è stata consistentemente modificata dal governo, ha prevalso la linea di non mandare avanti la procedura (per ora). La decisione, come avviene da molti anni, è stata raggiunta per «consensus», senza un voto nominale.

E a guidare il fronte delle colombe sono stati il presidente Jean-Clude Juncker, che nonostante si sia reso anch'egli protagonista di scambi polemici nei mesi passati con l'esecutivo giallo verde (come del resto anche con governi precedenti), ha sempre spinto per la linea negoziale, e il francese Pierre Moscovici, responsabile degli Affari economici che a dispetto anche lui di ripetuti scambi ruvidi con i due vicepremier italiani, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, ha sempre cercato l'accordo invocando la flessibilità e l'intelligenza delle regole Ue, ma anche la necessità di rispettarle.

E sempre tra le colombe si è inserito (e forse anche questo ha avuto il suo peso) anche il vicepresidente lettone, Valdis Dombrovskis, responsabile sui conti pubblici e spesso catalogato più nella categoria dei falchi. Raggiunto l'accordo con l'Italia invece poi lo ha difeso anche lui con forza davanti al collegio dei commissari.