16 dicembre 2019
Aggiornato 02:30
Expo 2015

Renzi ai giovani agricoltori: "Avete il mio sostegno"

E' stato accolto con un applauso il messaggio che il presidente del Consiglio ha inviato ai giovani imprenditori agricoli riuniti all'Expo dove si è tenuta la prima giornata di Cia in Expo. Matteo Renzi nel saluto che ha rivolto all'assemblea dell'Agia, l'associazione dei giovani agricoltori aderenti alla Cia, ha sottolineato: "Avete tutto il mio sostegno."

Milano (askanews) - E' stato accolto con un applauso il messaggio che il presidente del Consiglio ha inviato ai giovani imprenditori agricoli riuniti all'Expo dove si è tenuta la prima giornata di Cia in Expo. Matteo Renzi nel saluto che ha rivolto all'assemblea dell'Agia, l'associazione dei giovani agricoltori aderenti alla Cia, ha sottolineato: «Avete di fronte sfide fondamentali e in questo compito avete il mio sostegno».

Dall'agricoltura 100mila posti di lavoro in 5 anni
La presidente di Agia Maria Pirrone ha commentato: «E' un segnale molto positivo quello che ci dà il premier, è la dimostrazione che l'agricoltura resta centrale nello sviluppo del paese. E del resto la sfida che l'Italia ha contemporaneamente lanciato e raccolto con l'Expo pone in capo agli agricoltori l'onore e l'onere di sostanziare uno sviluppo sostenibile per nutrire il pianeta e dare energia alla vita. Restano molti i nodi irrisolti per l'agricoltura italiana, soprattutto per le imprese condotte dai giovani, ma l'incoraggiamento di Matteo Renzi va colto come uno stimolo ad operare per il meglio da parte nostra e come una promessa del Premier a sostenere lo sviluppo dell'agricoltura». Peraltro il presidente di Cia Dino Scanavino nella sua relazione ai giovani agricoltori ha posto di nuovo l'accento sull'opportunità che l'agricoltura offre ai giovani: se l'impresa agricola avrà la possibilità di svilupparsi nella multifunzionalità integrando la filiera ma anche l'attività turistica e quella di tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale e storico monumentale del paese è possibile creare in cinque anni centomila posti di lavoro. Ed è proprio questa la sfida fondamentale che Renzi ha sottolineato, accanto a quella della difesa della biodiversità e della qualità dei prodotti agricoli italiani.