19 gennaio 2020
Aggiornato 19:30
Mercati finanziari

Borsa: Milano -1,5%. Lo spread sale a 465

Si aggravano leggermente i cali delle Borse in Europa, mentre tornano a crearsi tensioni sui titoli di stato dei due grandi paesi periferici dell'area euro: Italia e Spagna. Intanto l'euro riprende a perdere quota, finendo sotto 1,22 dollari e segnando nuovi minimi dagli ultimi due anni. Un quadro di debolezza che sembra risentire anche delle indicazioni giunte ieri dalla Federal Reserve

ROMA - Si aggravano leggermente i cali delle Borse in Europa, mentre tornano a crearsi tensioni sui titoli di stato dei due grandi paesi periferici dell'area euro: Italia e Spagna. Intanto l'euro riprende a perdere quota, finendo sotto 1,22 dollari e segnando nuovi minimi dagli ultimi due anni. Un quadro di debolezza che sembra risentire anche delle indicazioni giunte ieri dalla Federal Reserve, la Banca centrale americana che pur rilevando un peggioramento dell'economia non ha fatto presagire altri provvedimenti per l'immediato a sostegno della crescita. Indirettamente questa linea potrebbe sostenere il dollaro rispetto all'euro.

SALE LO SPREAD - Intanto però l'area valutaria continua a dover fare i conti con la crisi sui debiti pubblici. A metà seduta si spengono i lievi calmieramenti che stamattina si erano visti sui bond di Italia e Spagna e i rendimenti dei Btp italiani a 10 anni tornano a salire al 5,89 per cento. In questo modo lo spread tra Btp e Bund si allarga nuovamente a 4,65 punti percentuali, o 465 punti base contro i 448 cui era calato stamattina. A Milano il Ftse-Mib accentua i cali al meno 1,53 per cento. L'Italia è riuscita a effettuare efficacemente un'asta di Bot a un anno, peraltro con un netto calo dei rendimenti richiesti e livelli di domanda sempre superiori a quelli dell'importo offerto. Tuttavia il rapporto domanda-offerta, a 1,55 si è moderato rispetto all'1,7 circa dell'asta di un mese fa e domani ci sarà un'altra asta, stavolta di buoni poliennali.

MALE ANCHE MADRID - In risalita anche i rendimenti sui Bonos decennali della Spagna, al 6,68 per cento con lo spread sui Bund che si allarga a 544 punti base. La Borsa di Madrid segna un meno 2,26 per cento, cancellando i recuperi registrati ieri dopo l'annuncio di nuove misure di risanamento da parte del governo. Parigi segna un meno 0,65 per cento, Francoforte meno 1,09 per cento, Londra 1,02 per cento. I mercati sono anche in attesa dei dati sul Pil della Cina che verranno pubblicati stanotte, e che si prevede segnalino un indebolimento anche dell'esuberante crescita del Dragone.