18 marzo 2019
Aggiornato 23:00
Alimentazione

Lo «stress da rientro» ? Si combatte con il cibo

I consigli arrivano dai nutrizionisti di Foorban, il primo «ristorante digitale» in Italia: nella top 5 degli alimenti consigliati dagli specialisti ci sono zenzero, curcuma e quinoa

Lo «stress da rientro» ? Si combatte con il cibo
Lo «stress da rientro» ? Si combatte con il cibo ANSA

«Post-holiday syndrome», «Post-vacation blues» o, più semplicemente, «Stress da rientro». Il male da ritorno alla routine dopo i periodi di vacanza si manifesta con nervosismo, cattivo umore, stanchezza, mal di testa e difficoltà di concentrazione e affligge, secondo alcune statistiche, più di un italiano su tre. Ma - dicono gli esperti - le soluzioni ci sono: riprendere a piccoli passi, concedersi del tempo per sé e, soprattutto, curare l’alimentazione. Se i sintomi dello «stress da rientro» che serpeggiano negli uffici italiani subito dopo le vacanze di Natale hanno certamente a che fare con la nostalgia per i giorni di pausa appena trascorsi, infatti, le cause del malessere sono in realtà da ricercare soprattutto nel disordine a cui l’organismo è sottoposto nei giorni di festa, e al conseguente «riadattamento» all’equilibrio pre-feste. Durante le ferie, infatti, cambia totalmente lo stile di vita, le ore di sonno cambiano e non sono regolari, così come l’alimentazione: per combattere questi squilibri, la stessa alimentazione può rappresentare tanto un'arma di depurazione quanto di difesa allo stress. Quali sono dunque le contromisure alimentari a cui affidarsi per affrontare questi fastidiosi giorni di flessione?

I consigli dei nutrizionisti di Foorban

I consigli arrivano dai nutrizionisti di Foorban, il primo «ristorante digitale» in Italia, che, appunto, ha elaborato un menù speciale per sostenere i lavoratori milanesi in questi giorni di rientro in ufficio: «Se per chi è a casa ripristinare abitudini alimentari sane e regolarità dello stile di vita non è poi così difficile, lo stesso non si può dire di chi lavora in ufficio: per questo abbiamo elaborato un menù con un’ampia offerta di piatti detox, che, anche e soprattutto sul luogo di lavoro, aiutino a combattere lo stress da rientro » - spiegano Marco Mottolese e Stefano Cavaleri, co-founder di Foorban - «I l cibo è fondamentale per ridurre gli effetti della sindrome post-vacanza e riequilibrare l’organismo: noi suggeriamo di non esagerare con caffè e carboidrati, e di privilegiare invece le proteine, consumare abbondanti verdure e mantenersi idratati bevendo tanta acqua o succhi al naturale».

Ecco, quindi, che nel menù ideale da consumare in ufficio per il dopo le feste dominano alimenti ipocalorici, poveri di grassi e ricchi di proteine, come i legumi e alcuni superfood come la quinoa o le patate dolci , ma anche le spezie dalle grandi proprietà nutritive e disintossicanti come lo zenzero - che brucia i grassi e sgonfia la pancia - o la curcuma - che ha un effetto antiossidante che contrasta l’azione negativa dei prodotti di scarto metabolico. Il menù anti-stress da rientro è disponibile sull’app di Foorban per tutta la settimana, insieme ad uno speciale succo pressato a freddo biologico Detox Delight di Depuravita in edizione limitata,
fatto con mela, arancia, barbabietola, cannella, curcuma e limone.

I top 5 alimenti per combattere lo stress da rientro

1. Zenzero. E' l’alimento bruciagrassi per eccellenza; contiene il gingerolo, una molecola antiossidante e antinfiammatoria, e ha proprietà termogeniche, ovvero crea calore che aiuta l’organismo a bruciare grassi e calorie.
2. Curcuma. Antinfiammatoria, antiossidante, antitumorale e purificante del fegato: la curcuma è un prezioso alleato per ogni dieta detox. Grazie al suo potere antiossidante, inoltre, rende l’organismo più forte di fronte a infiammazioni e infezioni.
3. Patata dolce. Conosciuta anche come patata americana, ha, a dispetto del nome, un legame minimo con le patate comuni, al punto da non essere neanche propriamente un tubero ma una radice tuberosa. La patata dolce contiene una grande quantità di Vitamina B6 e B12, la vitamina alla base del metabolismo energetico: per questo, la patata dolce è consigliata per migliorare i processi digestivi, favorendo la funzione delle cellule e facilitando il corretto svolgimento di tutte le fasi del metabolismo.
4. Quinoa. A tutti gli effetti un superfood : ha un basso indice glicemico, è iperproteica, è ricca di sali minerali. E’ ideale per una dieta detox perché contiene la metionina, un amminoacido che svolge un ruolo attivo nella metabolizzazione dell'insulina e aiuta il corpo ad eliminare tossine e additivi alimentari. Ha, inoltre, un grande effetto saziante.
5. Frutta secca. Noci, mandorle, nocciole: la frutta secca è ricca di sali minerali e magnesio, un micronutriente che gioca un ruolo chiave per la regolazione dell'umore e la cura dello stress. La giusta quantità si aggira intorno ai 40 grammi al giorno, meglio se consumata fuori dai pasti: rilascia, tra le altre cose, energia a «breve termine» e favorisce un senso di sazietà.