24 gennaio 2021
Aggiornato 01:00
Formula 1 | Gran Premio d'Australia

Vettel presenta il primo GP del Mondiale in Australia

Un circuito semipermanente, con un mix di frenate, tratti veloci e sezioni guidate: Seb ci racconta la pista di Melbourne che ospita l'esordio stagionale

MELBOURNE – I primi membri del team sono partiti venerdì scorso, gli ultimi arriveranno a metà settimana. Una trasferta così lunga, sedicimila chilometri e un giorno intero di viaggio, non si improvvisa. Soprattutto se è la prima del campionato. Tanto è vero che in Australia, per la squadra, gli orari sono quelli operativi già al mercoledì. Quando la Formula 1 correva ad Adelaide (altro circuito cittadino, ma molto più corto e lento) il Gran Premio di Australia era solito chiudere la stagione. Adesso la apre. A Melbourne la F1 moderna corre dal 1996, ma il circuito era già attivo negli anni ’50. L’atmosfera, i prati, il profumo degli alberi di eucalipto e il fascino della città lo hanno reso da subito popolare presso il pubblico e gli addetti ai lavori, tanto da far dimenticare che nell’Ottocento, prima che venisse realizzato il lago artificiale, l’area era stata usata anche come… discarica per rifiuti.

Le peculiarità del circuito
Tecnicamente, la pista presenta caratteristiche particolari soprattutto per via dell’asfalto, visto che si tratta di un tracciato semipermanente. Un bel mix di frenate, tratti veloci e sezioni più guidate che mettono a dura prova la trazione. Anche all’altro capo del pianeta, la Scuderia Ferrari ha di che sentirsi a casa. La comunità italiana, infatti, è la seconda più numerosa dopo quella anglosassone nell’area urbana; e l’immigrazione non si è fermata, anzi è ripresa, negli ultimi anni. Non è per niente inconsueto sentirsi apostrofare nella nostra lingua, ma Melbourne è anche una città cosmopolita e multietnica. Tutta da godere, per chi ha il tempo di farlo...