27 settembre 2020
Aggiornato 19:30
Formula 1

Lewis Hamilton: «Non sogno un'altra scuderia»

Il pilota britannico è uno dei top-driver in scadenza di contratto quest'anno, ma nonostante il rinnovo con la scuderia campione del mondo tardi ad arrivare, l'interessato assicura di voler restare

Lewis Hamilton: «Non sogno un'altra scuderia»
Lewis Hamilton: «Non sogno un'altra scuderia» ANSA

MILANO - «Non sogno un'altra scuderia», così Lewis Hamilton ha negato di voler congedarsi dalla Mercedes a fine 2020. Il pilota britannico è uno dei top-driver in scadenza di contratto quest'anno, ma nonostante il rinnovo con la scuderia campione del mondo tardi ad arrivare, l'interessato assicura di voler restare. «Non sogno un'altra scuderia. Sono già in un team da sogno - ha fatto sapere Hamilton, tramite il suo profilo Instagram - Non c'è nulla che non vada, e non sto cercando di andarmene. Sono con le persone che mi hanno aiutato dal primo giorno». Una dichiarazione di fedeltà accompagnata da un giudizio lusinghiero riservato alla Mercedes: «E' la migliore scuderia».

Ezpeleta: «Scenario migliore correre a Brno e in Austria ad agosto»

Carmelo Ezpeleta, direttore esecutivo di Dorna, la società che organizza il motomondiale, prevede la possibilità «di iniziare a correre ad agosto a Brno», pur precisando che al momento nessuna eventualità è esclusa dalla pandemia di coronavirus. In un'intervista al programma 'Radioestadio del Motor', su Onda Cero, Ezpeleta ha aggiunto: «La prima cosa è porre fine a questa situazione, quindi stiliamo i calendari e vediamo quando possiamo spostarci e viaggiare».

Ezpeleta ha preso in esame tre scenari per il via della competizione. «Il 27 aprile devo parlare con gli organizzatori del GP di Germania, ma il più ottimista sarebbe iniziare a correre a Brno e in Austria ad agosto». Ha quindi escluso che si possa gareggiare in Finlandia: «Il circuito non è ancora omologato». Nel secondo, si valuta l'opzione di iniziare oltre l'estate. «Si correrebbero tra 10 e 12 gran premi, valutando di volta in volta, in base alle disposizioni locali, se con o senza pubblico». Il tutto tra «ottobre, novembre e dicembre. Ma potrebbe anche essere un mondiale a otto gare».

Lo scenario peggiore

Lo scenario peggiore prevede di «concentrare tutta la stagione su due-tre circuiti. Probabilmente, anche senza un pubblico». Ezpeleta non ha escluso che in questo caso si potrebbe correre sui circuiti spagnoli omologati (Jerez, Montmelo, Aragón e Ricardo Tormo). Quanto alla possibilità che il mondiale non si disputi, Ezpeleta non l'ha esclusa, ma aggiungendo: «Sarebbe un duro colpo economico per Dorna, in questo momento non ci stiamo muovendo in quello scenario"