6 dicembre 2019
Aggiornato 15:31

Mancini: «Ronaldo? Serve rispetto, ma può capitare»

Il ct azzurro sul caso dell'asso portoghese, scontento per la sostituzione nel match contro il Milan: «Chiederà scusa e si ripartirà»

Cristiano Ronaldo esulta dopo un goal con la Juventus
Cristiano Ronaldo esulta dopo un goal con la Juventus ANSA

COVERCIANO - Un doppio impegno, contro Bosnia e Armenia che serve per consolidare la qualificazione europea ma anche per guardare al futuro. «In Bosnia - dice Mancini nel primo giorno di raduno a Coverciano - c'è un bel test, giocheremo in uno stadio piccolo, pieno di gente, loro non hanno possibilità di arrivare all'europeo con il girone, ma solo con le finali di Nations League. E poi c'è Palermo... non stravolgeremo la squadra, non avremo grandi occasioni per vederci fino a marzo prossimo. Per questo abbiamo chiamato quei ragazzi che volevamo vedere». La scelta di Castrovilli, Orsolini e Cistana è per «andare oltre l'Europeo. Orsolini ha qualità, Cistana è un profilo molto importante e molto giovane, la stessa cosa Castrovilli. Stanno facendo bene». Il presidente Gravina ha aperto a Balotelli in Nazionale. Mancini chiude: «Voglio bene a Mario ma se dev'essere richiamato spero che venga convocato perché sta facendo bene. Bisogna capire quali sono le motivazioni vere, credo sia più importante chiamarlo se lo merita, se c'è un'altra occasione».

«Ronaldo? Può capitare»

Su Ronaldo Mancini dice la sua: «Adesso non conosco, ho solo letto cosa può essere successo ieri, non so se corrisponde a realtà. I calciatori devono avere rispetto per allenatore e compagni di squadra, poi alle volte si può avere un comportamento non in linea. Può capitare. Chiederà scusa e passerà». Sul Var agli Europei afferma: «Siamo la Nazione delle polemiche ma non sono preoccupato, credo abbia migliorato al maggior parte delle cose. Ci sono situazioni da migliorare e velocizzare». A Conte che si è sfogato perché Barella e Sensi non hanno grande esperienza risponde: «Non so cosa sia successo, perché Conte ha detto questo. Barella e Sensi sono importanti, giocano in Nazionale, sono ottimi. Poi non avranno l'esperienza di chi gioca da 10 anni in Champions League. Con noi hanno giocato ottime partite, hanno molte possibilità di migliorare».

Il portoghese rompe il silenzio: «Partita difficile, vittoria importante»

«Partita difficile, vittoria importante!». E'l post di Cristiano Ronaldo che rompe il silenzio via Instagram dopo quanto accaduto ieri sera all'Allianz Stadium per Juve-Milan. Ronaldo è stato sostituito al 55' da Sarri, per la seconda volta consecutiva. Il portoghese è rientrato negli spogliatoi rivolgendo solo qualche parola al tecnico. Al suo posto è entrato Dybala, poi autore del gol vittoria. Sarri nel post-gara ha minimizzato l'episodio, ricordando il problema al ginocchio che affligge CR7 già da qualche settimana. «Ronaldo non è un problema, anzi. Bisogna ringraziarlo per essersi messo a disposizione per giocare in condizioni fisiche non eccezionali. Se si arrabbia perchè esce fa parte della normalità dei giocatori soprattutto di uno che ha fatto dei sacrifici per esserci».

Tapiro d'oro a Buffon: Sua immagine per speculazioni finanziarie

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Valerio Staffelli consegna il Tapiro d'oro a Gianluigi Buffon perché la sua immagine è stata utilizzata a sua insaputa sul web per promuovere il trading online e l'acquisto di bitcoin. Come già accaduto a Jovanotti e a Diletta Leotta, anche il portiere della Juve, raggiunto a Torino dall'inviato di Striscia, conferma di essere all'oscuro di tutto: «Ho incaricato il mio avvocato di sporgere denuncia. Mi dispiace tanto se qualcuno è cascato in questo tranello subdolo e pericoloso. Fate bene a denunciare».