14 novembre 2019
Aggiornato 07:30

A Sepang trionfa Vinales davanti a Marquez: «Vittoria dedicata a Munandar»

Terzo Andrea Dovizioso: il ducatista dà spettacolo nel finale nella battaglia per il podio contro Rossi, ma il Dottore paga dazio la differenza di motore

Maverick Vinales trionfa nel GP della Malesia
Maverick Vinales trionfa nel GP della Malesia ANSA

SEPANG - Maverick Viñales trionfa nel penultimo appuntamento stagionale della MotoGP, la gara di Sepang (Malesia). Il pilota della Yamaha precede di tre secondi sul traguardo il connazionale e campione del mondo Marc Marquez, dominando dall'inizio alla fine. Terzo Andrea Dovizioso: il ducatista dà spettacolo nel finale nella battaglia per il podio contro Valentino Rossi, ma il Dottore paga dazio la differenza di motore. Ottimo sesto posto per Franco Morbidelli.

Vinales: «Dedicata a Munandar»

«E' stata una gara incredibile, sapevo di avere un bel potenziale e ho avuto grande velocità. Anche in Australia avevo avuto un buon feeling, ma aver preso la testa nelle prime battute qui mi ha permesso di imporre il mio ritmo e di vincere": così Maverick Vinales dopo il successo a Sepang in MotoGp. Il pilota Yamaha ha voluto anche ricordare il giovane centauro indonesiano Afridza Munandar, morto ieri sul circuito malese nel corso della gara dell'Asia Talent Cup: «Voglio dedicare questo successo a lui».

Marquez si gode la vittoria del fratello

Soddisfatto del suo secondo posto Marc Marquez: «Una gara incredibile a partire dal primo giro. Anche Dovizioso ha fatto una cosa straordinaria. Nei primi tre giri ho consumato molto le gomme, ma Vinales era molto più veloce e l'unica possibilità era stargli vicino. Ci ho provato. Ma oggi sono molto felice soprattutto per la vittoria di mio fratello (Alex, campione del Mondo della Moto 2. ndr): se lo merita, ha lavorato molto e non è facile essere fratello di.... Ma lui è Alex Marquez e ha già vinto due mondiali», ha aggiunto il campione del Mondo. «C'è però un'altra faccia che non possiamo dimenticare, la perdita di Afridza Munandar. Lo conoscevo e il mondo delle corse è così. Mando un abbraccio alla sua famiglia» ha concluso Marquez.