16 dicembre 2018
Aggiornato 10:30

Rossi in testa cade a 4 giri dalla fine. In Malesia vince Marquez

Il dottore chiude 18esimo. Sul podio, con lo spagnolo della Honda, Rins (Suzuki) e Zarco (Yamaha Tech3)

Il podio del GP della Malesia 2018: Alex Rins (2°), Marc Marquez (1°) e Johann Zarco (3°)
Il podio del GP della Malesia 2018: Alex Rins (2°), Marc Marquez (1°) e Johann Zarco (3°) (Suzuki Racing)

SEPANG - Valentino Rossi fa sognare a Sepang, poi, a quattro giri dal termine la sua gomma anteriore perde grip e il dottore scivola, quando era in testa dominatore di uno splendido Gp. Marc Marquez ringrazia e vince. Lo spagnolo completa una gara di rincorsa dopo essere scattato dalla settima posizione della griglia (dopo la penalizzazione subita in qualifica) e approfitta della caduta del pesarese per conquistare la nona gara stagionale, al termine di un Mondiale davvero dominato. A fare compagnia sul podio al cinque volte iridato nella classe regina il suo connazionale Alex Rins (Suzuki) a 1.8 che supera proprio in extremis il francese Johann Zarco (Yamaha Tech3).
Quarta posizione per Maverick Vinales (Yamaha) a 4.6 dopo una prova condizionata dalla consueta partenza al rallentatore, quinta per il suo connazionale Dani Pedrosa (Honda) a 6.1, mentre in sesta, ad oltre 11, chiude un deludente Andrea Dovizioso (Ducati) che oggi non è mai apparso in grado di competere con i migliori. Valentino Rossi (Yamaha) chiude 18esimo.

Marquez: «L'errore di Rossi una fortuna»
C'è sempre una prima volta per Marc Marquez. Il cinque volte campione del mondo ha vinto partendo dalla settima posizione a Sepang nel Gp della Malesia, penultima priva del motomondiale. Non gli era mai successo in carriera. «Sono contento perché non avevo mai vinto dalla terza fila, ma non è stato facile: è stato più un successo di cuore che altro perché non eravamo tanto a posto con la moto. Al via dopo la partenza ho spinto al limite e ho iniziato a superare gli avversari uno dopo l'altro - spiega Marquez -. Così però ho surriscaldato le gomme e ho cervato di raffreddarle perché anche l'anteriore era un po' in crisi. Nel finale stavo andando sempre meglio, stavo riprendendo Rossi e il suo errore è stato una fortuna per noi: dopo la scivolata dell'Australia per me e la squadra è il modo migliore per celebrare il campionato».

Dovizioso: «Deluso, ho fatto fatica»
«Devo ammettere che oggi sono deluso perché non sono riuscito a fare la gara che mi aspettavo ed ho sofferto molto per la mancanza di grip». Il sesto posto finale non può rendere contento Andrea Dovizioso protagonista in Malesia di un Gp anonimo. «Come avevo detto giovedì - ha proseguito - speravo in una gara sull'asciutto perché eravamo sempre andati forte in prova in queste condizioni, ma oggi ho fatto davvero fatica e quindi adesso dovremo capire bene cosa è successo. Alla fine, grazie all'errore di Rossi, siamo riusciti a portare a casa la seconda posizione in classifica sia nel campionato piloti che in quello costruttori, e sono contento di questo risultato anche se quest'anno non siamo riusciti a contrastare veramente Marquez. Ringrazio la squadra perché siamo riusciti a fare un ottimo lavoro, soprattutto da meta stagione in poi, ma non basta ancora e quindi dovremo continuare a lavorare con impegno».