14 novembre 2019
Aggiornato 22:00

Balotelli al Brescia: «Nessuna paura di fallire»

L'attaccante: «Voglio aiutare il club a crescere e tornare in Nazionale». Wanda Nara dice no a Icardi al Monaco. Maurizio Sarri ha la polmonite

Mario Balotelli con la maglia del Brescia
Mario Balotelli con la maglia del Brescia ANSA

BRESCIA - «C'eravamo già incontrati con il presidente, è nata questa scelta dopo aver parlato anche con Mino. Non è stato così difficile scegliere il Brescia perché non ho più pensato ad altro. Può darmi tutto come io posso dare tutto al Brescia». Parola di Mario Balotelli, presentato ieri pomeriggio dalla sua nuova squadra. «Quando l'ho detto a mia mamma, piangeva. Poi era contentissima. Paura, zero. L'obiettivo è quello di far crescere questa squadra, grazie al contributo che potrò dare alla squadra. Penso che abbiate più paura voi che io. Io sto bene, sereno».

Obiettivo Euro 2020

Sul futuro in Nazionale ha detto: «Mi sono sentito con Roberto Mancini per il mio compleanno. L'Europeo con la Nazionale è un obiettivo, assolutamente sì». Sul razzismo ha invece detto: «Mi auguro con tutto il cuore che non si ripetano fatti successi quando giocavo in Italia». Aggiunge Cellino: «L'ho preso perché mi piace a livello fisico e tecnico, non perché dovevo vendere degli abbonamenti in più. Il nostro fine è quello di giocare bene e non vorrei che Mario si sentisse troppo sotto pressione per una scelta del genere. In campo si va in 11, vincono e perdono le squadre e non il singolo». L'attaccante bresciano dovrà scontare una squalifica nelle prime quattro giornate di Serie A, ritornando in campo nella partita casalinga del Brescia contro la Juventus: un appuntamento certamente suggestivo per il suo nuovo esordio in Italia dopo tre anni d'assenza.

Wanda Nara dice no a Icardi al Monaco

Monaco, no grazie. L'Inter era pronta a chiudere per Icardi alla società francese di fronte la faraonica offerta di 60 milioni alla società e 10 al giocatore, ma Wanda Nara ha detto no. «Mauro non andrà al Monaco» ha risposto al canale argentino Tyc Sport la moglie e procuratrice dell'argentino. La situazione attualmente è in stallo. Per l'Inter è fuori rosa. Il giocatore vuole andare alla Juve che ha bisogno di cedere due attaccanti mentre si fa incessante il pressing del Napoli attualmente infruttuoso.

Maurizio Sarri ha la polmonite

Una polmonite rischia di far saltare a Maurizio Sarri la «prima» in campionato sulla panchina della Juventus in programma sabato alle 18 al Tardini di Parma. E' stata la società bianconera, autorizzata a comunicare lo stato di salute del tecnico. «Maurizio Sarri, dopo il riposo osservato nel fine settimana, è venuto al JTC dove ha coordinato il lavoro del suo staff. Purtroppo non ha potuto dirigere sul campo l'allenamento a causa del persistere della sindrome influenzale, che lo ha colpito durante la scorsa settimana - si legge nella nota diramata in serata dal club torinese -. Nel tardo pomeriggio è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti che hanno confermato una polmonite per la quale è stata prescritta terapia specifica».