17 novembre 2019
Aggiornato 15:30

Milan: Kessie via solo in un caso

Sembra ridimensionata la possibile cessione del centrocampista ivoriano, anche se la porta non è del tutto chiusa

Franck Kessie, centrocampista del Milan e della nazionale ivoriana
Franck Kessie, centrocampista del Milan e della nazionale ivoriana ANSA

MILANO - Al Milan il cartello «lavori in corso» è ancora in piedi, soprattutto a centrocampo dove non è ancora chiaro se i rossoneri opereranno un altro acquisto, oppure se gli arrivi di Bennacer e Krunic, il ritorno di Bonaventura e la conferma di Biglia possano bastare a Marco Giampaolo per affrontare quella che dovrebbe essere la stagione del rilancio milanista dopo sette stagioni opache e quella Coppa dei Campioni che manca da tanto, troppo tempo. Nel 4-3-1-2 del tecnico di Giulianova c'è posto per una mezzala tecnica, un regista, un corridore ed un fantasista che inneschi i due attaccanti, oltre ad almeno una riserva per ogni ruolo della mediana.

Riflessioni

Permangono i dubbi su Franck Kessie, l'unico a metterci più muscoli che tecnica, l'unico dell'organico rossonero ad avere più corsa che qualità, forse per questo meno considerato da un allenatore poco innamorato dei calciatori ruvidi, ma forse per questo anche imprescindibile in una rosa a cui senza il centrocampista africano mancherebbe fosforo e fisico. La società riflette, su Kessie è piombato il Wolverhampton (che ha già strappato al Milan Cutrone), ma il patto fra il club milanista ed il calciatore ivorano è chiaro: la cessione è fattibile solo per per un grande club estero, a prescindere dalle offerte economiche. A Kessie non convince l'ipotesi Wolverhampton, vorrebbe qualcosa di più prestigioso, altrimenti non ha problemi a rimanere a Milano; in questo senso, Arsenal e Tottenham si sono fermate a semplici sondaggi, motivo per cui l'impressione è che il futuro di Kessie sia ancora a forti tinte rossonere.