11 dicembre 2018
Aggiornato 12:30

Juventus: impazzano le polemiche sul web per la maglia del 2020

Le indiscrezioni circa la tenuta dei bianconeri per il prossimo anno generano già discussioni fra i tifosi
L'Adidas è pronta a lanciare la maglia della Juventus per la stagione 2019-2020
L'Adidas è pronta a lanciare la maglia della Juventus per la stagione 2019-2020 (Juvenews)

TORINO - La stagione 2018-2019 non è ancora arrivata a metà, la Juventus è in corsa per vincere sia in Italia che in Europa, ma già nell’ambiente bianconero si inizia a parlare dell’annata 20192-2020. Niente calciomercato o cambi di dirigenti e allenatori però stavolta, bensì l’apertura di un acceso dibattito circa le maglie che la compagine piemontese indosserà il prossimo anno. Su vari siti specializzati, primo fra tutti lo storico Footy Headlines, infatti, sono apparse già le prime foto della tenuta che l’Adidas avrebbe predisposto per la stagione ventura, generando non poche polemiche a riguardo: la prima maglia, infatti, abbandonerà clamorosamente le canoniche e storiche strisce verticali, passando ad un disegno a quarti stile Cagliari o Genoa; i colori saranno ovviamente il bianco e il nero, divisi da una sottilissima bordatura rosa. Una variazione ed un’innovazione a dir poco rischiosa, soprattutto per quei tifosi che sono legati ed attaccati alla tradizione dell’ultracentenario club torinese.

Social infuocati
Le foto della presunta nuova maglia (completate dalla bozza delle tenute da trasferta, una azzurra e una rossa) hanno ovviamente fatto in pochissimo tempo il giro del mondo ed il passaparola dei social network è stato rapidissimo. Sui principali gruppi del tifo juventino di Facebook, ad esempio, le voci si sono rincorse immediatamente ed i commenti al veleno non sono mancati: «Non siamo il Siena», ha scritto educatamente ma seccamente un utente, postando la foto della maglia della formazione toscana, spesso in campo con la maglia a quarti bianconeri. «Spero sia uno scherzo», scrive qualcun altro, probabilmente incredulo di fronte a cotanta rivoluzione. In molti, poi, si scagliano contro lo sponsor tecnico, reo a loro dire, di aver confezionato maglie lontane dalla tradizione juventina sin dal suo avvento nel 2015.

Passione per lo sport
La bozza apparsa sul web e che negli anni passati non ha mai sbagliato con le anticipazioni sulle maglie della Juventus, ha agitato il popolo juventino, sull’aria della rivolta per un’innovazione che proprio non riesce ad andargli giù. La Juve forse vincerà l’ottavo scudetto di fila, magari la quinta Coppa Italia di seguito e, chissà, riporterà a Torino la Coppa dei Campioni 23 anni dopo l’ultima volta: per la tifoseria bianconera, però, anche il dettaglio cromatico e il disegno della possibile nuova maglia rappresenta una priorità nella sua passione forse un po’ infantile, probabilmente la parte più bella e più sana dell’amore per lo sport.