23 maggio 2019
Aggiornato 14:30
MotoGP | Gran Premio d'Olanda

La scheda: tutto ciò che c'è da sapere sulla gara di Assen

Marquez, Lorenzo, Dovizioso e Rossi all'esame di storia nell'Università della moto. Ecco dove e quando si corre l'ottavo appuntamento del Motomondiale

ASSEN – Il Motomondiale arriva ad Assen per il Gran Premio d’Olanda. Domenica 1° luglio, alle 14, la gara di MotoGP, preceduta alle 11 dalla Moto3 e alle 12:20 dalla Moto2. Si torna in pista sul circuito di Assen, uno dei più classici e prestigiosi, teatro del Motomondiale dal 1949. In MotoGP, Marc Marquez guida la classifica piloti, ma non mancano gli avversari: Valentino Rossi, costante e quasi sempre a punti, Jorge Lorenzo, sempre più in forma in sella alla sua Desmosedici, e Andrea Dovizioso, sempre velocissimo ma che ha lasciato parecchi punti per strada, proveranno a diminuire il distacco dal fenomeno della Honda. In Moto2, Francesco Pecco Bagnaia dello Sky Racing Team Vr46 dovrà difendersi dall’attacco del portoghese Miguel Oliveira, in grande rimonta in questa fase della stagione. In Moto3, Marco Bezzecchi, che ha consolidato la propria classifica con il secondo posto in Catalogna, si troverà alle prese con i numerosi e agguerritissimi inseguitori. Si comincia domani, alle 17, con la conferenza stampa piloti. Venerdì 29 giugno, i piloti delle tre categorie scendono in pista per la prima giornata di prove libere (dalle 8:55 alle 16). Sabato, dopo gli ultimi turni di prove libere, tocca alle qualifiche: alle 12:30 la Moto3, alle 14:10 la MotoGP e alle 15 la Moto2.  Domenica 1° luglio, alle 14, la gara di MotoGP, preceduta alle 11 dalla Moto3 e alle 12:20 dalla Moto2.

La pista
Quattro settimane dopo il Tt all’Isola di Man, anche la MotoGP si prepara ad affrontare il suo Tourist Trophy ambientato però al Tt Circuit Assen. La pista olandese, l’unica ad aver ospitato gare iridate fin dalla nascita del campionato dal mondo (dapprima su strada e poi su circuito), è teatro dal 29 giugno al 1° luglio dell’ottavo appuntamento del Mondiale 2018. Sorta nel 1925, la pista ha cambiato numerose volte configurazione e lunghezza. Nel 1992 Assen rischiava di costare l’amputazione della gamba destra a Mick Doohan, caduto in qualifica e rimasto incastrato sotto la sua Honda. L’arto gli fu salvato dal dottor Costa ma per tornare a vincere fu fondamentale la pompa a pollice appositamente progettata dagli ingegneri Brembo per dar modo al pilota di azionare il freno posteriore senza utilizzare il pedale. Il circuito si trova accanto a verdi terrapieni che ospitano numerose tribune e nel 2002 sono stati ultimati i lavori di modernizzazione, con l'aggiunta di nuove strutture. La pista è stata poi modificata alla fine del 2005, riducendo la lunghezza di quello che era uno dei tracciati più lunghi del Mondiale da quasi 6 a 4,5 km. Pur avendo 18 curve, il Tt Circuit Assen è molto guidato, con parecchi curvoni veloci e una sola curva secca, peraltro contraddistinta da una decelerazione minore a quella di altri tracciati. La velocità massima non supera i 310 km/h ma le numerose curve veloci garantiscono un ottimo raffreddamento degli impianti frenanti. Uno dei pochi problemi potrebbe essere rappresentato dalle condizioni meteorologiche: nel 2014 i piloti della MotoGP presero il via con i freni in acciaio a causa della pioggia ma a metà gara, con la fine delle precipitazioni, molti cambiarono moto passando ai freni in carbonio. Non essendo stati scaldati a sufficienza, alcuni lamentarono problemi nelle prime frenate.

I dati
Giro più veloce: Rossi (Yamaha), 1:32.627 (176,5 km/h) - 2015
Record del circuito: Marquez (Honda), 1:33.617 (174,6 km/h) - 2015
Miglior pole: Rossi (Yamaha), 1:32.627 (176,5 km/h) - 2015
Velocità massima: Iannone (Ducati), 319,8 km/h - 2015
Lunghezza pista: 4,5 km
Lunghezza gara: 26 giri (118,1 km)
Curve: 18 (6 a sinistra, 12 a destra)

Così nel 2017 
Podio: 1° Rossi (Yamaha), 2° Petrucci (Ducati), 3° Marquez (Honda)
Pole: Zarco (Yamaha), 1:46.141 (154,051 km/h)
Giro più veloce: Redding (Ducati), 1:34.617 (172,814 km/h)

Gli orari
Giovedì 28 giugno
Ore 17: conferenza stampa piloti MotoGP

Venerdì 29 giugno
Ore 8:55: Moto3 - prove libere 1 
Ore 9:50: MotoGP - prove libere 1
Ore 10:50: Moto2 - prove libere 1
Ore 13:05: Moto3 - prove libere 2
Ore 14: MotoGP - prove libere 2
Ore 15: Moto2 - prove libere 2 

Sabato 30 giugno
Ore 8:55: Moto3 - prove libere 3
Ore 9:50: MotoGP - prove libere 3
Ore 10:50: Moto2 - prove libere 3
Ore 12:30: qualifiche Moto3 
Ore 13:30: MotoGP - prove libere 4
Ore 14:10: qualifiche MotoGP
Ore 15: qualifiche Moto2
Ore 17:30: conferenza stampa qualifiche

Domenica 1° luglio
Ore 8:40: warm up Moto3, Moto2 e MotoGP
Ore 11: gara Moto3
Ore 12:20: gara Moto2
Ore 14: gara MotoGP