18 dicembre 2018
Aggiornato 16:05

Verso Juventus-Napoli: gli allenatori sciolgono i dubbi

Domenica sera la sfida tra le dominatrici del campionato. Solo una vittoria darebbe qualche speranza ai partenopei

Maurizio Sarri e Massimiliano Allegri: Napoli e Juventus si apprestano a giocarsi lo scudetto nello scontro diretto di domenica a Torino
Maurizio Sarri e Massimiliano Allegri: Napoli e Juventus si apprestano a giocarsi lo scudetto nello scontro diretto di domenica a Torino (ANSA)

TORINO - Juventus-Napoli si avvicina: domenica sera (inizio ore 20:45) le due battistrada della serie A si affronteranno allo Juventus Stadium in quella che l'Italia intera definisce lo scontro scudetto. I bianconeri si presentano con 4 punti di vantaggio sui partenopei e la vittoria dell'andata allo stadio San Paolo, mentre gli azzurri di Sarri non possono far altro che vincere a Torino, ridurre ad una sola lunghezza il divario dai piemontesi e sperare nel miracolo nelle ultime 4 giornate di campionato. La corazzata Juventus, solida, cinica, vincente dal presidente all'ultimo dei giardinieri, contro il brillante Napoli, la squadra ordinata e spettacolare, finora bella e perdente, finora simile all'iconica figura del bello che non balla. Chi la spunterà domenica sera?

Formazioni

In panchina i due tecnici sanno che in una partita simile non si potrà sbagliare neanche una virgola, motivo per il quale, con ogni probabilità, il turno infrasettimanale precedente al grande scontro non avrà fatto felice nè Allegri e nè Sarri. La Juve potrà giocare certamente per due risultati a favore su tre, il che le rende più serenità ma anche il rischio di non esporsi, giocando per il pareggio e lasciando campo ad un Napoli che o espugna lo Juventus Stadium o si mette l'anima in pace anche quest'anno. Sul fronte delle formazioni, Allegri opterà per il modulo 4-3-3 con Buffon in porta, Lichtsteiner, Benatia, Chiellini ed Alex Sandro in difesa, Khedira, Marchisio e Matuidi a centrocampo, Douglas Costa e Dybala ad ispirare il grande ex Higuain. Speculare il 4-3-3 del Napoli: davanti a Reina i difensori saranno Hysaj, Albiol, Koulibaly e Mario Rui, a centrocampo Allan, Jorginho ed Hamsik, in attacco tridente con Callejon, Mertens ed Insigne. La serie alla sua sentenza più importante: incoronare per la settima volta consecutiva l'invincibile Juve, o riaprire clamorosamente il torneo avvicinando ai bianconeri il Napoli d'assalto.