14 novembre 2019
Aggiornato 19:30

Chiellini ed Alex Sandro: difficile il recupero per Juventus-Milan

I difensori bianconeri non riusciranno con ogni probabilità a smaltire i rispettivi infortuni per la gara pre pasquale coi rossoneri

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus ANSA

TORINO - Il momento decisivo della stagione sta entrando nel vivo e per la Juventus, unica squadra italiana ancora impegnata su tre fronti, si prepara a disputare le gare determinanti dell'anno in campionato, Coppa dei Campioni, oltre alla finale di Coppa Italia in programma fra poco più di un mese. Logico che Massimiliano Allegri punti ad avere l'organico juventino in piena efficienza, evitando cali fisici o, ancor peggio, infortuni che possano minare la squadra nel periodo più importante dell'annata in corso.

Bollettino medico

A preoccupare il tecnico bianconero sono soprattutto le condizioni di Giorgio Chiellini ed Alex Sandro, entrambi malconci ed entrambi di rientro a Torino nonostante le convocazioni di Italia e Brasile per le loro amichevoli. Il difensore livornese ha accusato un risentimento muscolare durante Spal-Juventus di sabato scorso, ha rinunciato all'azzurro per tentare un miracoloso recupero in vista di Juventus-Milan di sabato 31 e, soprattutto, di Juventus-Real Madrid della settimana successiva. Il laterale brasiliano, invece, dopo aver risposto alla chiamata della nazionale brasiliana, si è fatto male in allenamento riportando un guaio alla coscia destra che verrà valutato al più presto dai medici. Le condizioni di Chiellini non preoccupano più di tanto, ma la sensazione è che Allegri lo terrà a riposo per la gara col Milan per non rischiare nulla nel finale di stagione; più serie sembrano invece le condizioni del brasiliano che verrà sottoposto a controlli approfonditi nei prossimi giorni ma che difficilmente potrà giocare contro i rossoneri di Gattuso. Milan che, a questo punto, si ritroverà a giocare contro una Juve incerottata e con la testa alla sfida contro i campioni d'Europa; chissà, sarà magari la volta buona che la compagine milanista torni a fare punti nella Torino bianconera dopo anni di delusioni.