31 maggio 2020
Aggiornato 06:00
Calcio

Il Gattuso dell’Arsenal insidia Ancelotti

La panchina dei Gunners sembra ad un passo dall’essere affidata all’ex tecnico del Milan che teme però la soluzione a sorpresa

Carlo Ancelotti è alla ricerca di una nuova panchina
Carlo Ancelotti è alla ricerca di una nuova panchina ANSA

LONDRA - Dopo oltre 21 anni, all’Arsenal si chiuderà l’era legata ad Arsene Wenger, tecnico francese che ha scritto e riscritto la storia del club britannico e che a fine stagione saluterà i londinesi al termine di un rapporto ormai logoro dopo gli scadenti risultati dell’anno scorso e quelli poco incoraggianti di questa stagione. La sconfitta di domenica scorsa nella finale di Coppa di Lega contro il Manchester City (0-3) ha sancito ulteriormente la fine dello splendido matrimonio fra l’allenatore transalpino ed i Gunners, portando la società ad una seria e profonda riflessione sul futuro e sulla nuova guida tecnica del club biancorosso.

Lista di nomi

Addio a Wenger, dunque, ma chi al posto del francese? L’Arsenal sta vagliando le possibili soluzioni, scartando quasi subito il nome dell’attuale commissario tecnico della Germaina Joachim Loew poiché prossimo alla panchina del Real Madrid, mentre attuali sono le candidature di Leandro Jardim (tecnico del Monaco) e di Brendan Rogers, ex allenatore del Liverpool. Il sogno dell’Arsenal, però, è quello di riportare a Londra Carlo Ancelotti che avrebbe dato anche una disponibilità di massima, vista la sua volontà di rientrare in Premier League dopo l’esperienza con il Chelsea; le due parti potrebbero trovare facilmente un accordo che permetterebbe ai londinesi quel salto di qualità mancato negli ultimi anni e che li avvicinerebbe ai colossi di Manchester, al Chelsea, al Liverpool e pure al Tottenham.

Rischio e fascino

Ma ad insidiare Ancelotti non sarebbe un grande nome, bensì una soluzione rischiosa ma affascinante a cui l’Arsenal sta pensando negli ultimi giorni: portare Thierry Henry (ex campione dei Gunners) sulla panchina biancorossa, proseguendo con un suo allievo il lavoro del maestro Wenger. Una scelta alla Gattuso per l’Arsenal, con i tifosi già impazziti all’idea di rivedere il loro vecchio beniamino, stavolta in panchina; Ancelotti aspetta e si augura, sotto sotto, che la sfida di Coppa Uefa col Milan non ispiri più di tanto la dirigenza inglese.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal