17 giugno 2019
Aggiornato 14:30
Formula 1 | Test Barcellona

Ferrari o Mercedes? No, la prima leader del 2018 è la Red Bull

La giornata inaugurale delle prove premia Daniel Ricciardo. Seguono Bottas e Raikkonen, a soli due decimi. Appena settimo Hamilton, per colpa della pioggia

La Red Bull di Daniel Ricciardo in pista nei test a Barcellona
La Red Bull di Daniel Ricciardo in pista nei test a Barcellona ( Red Bull )

BARCELLONA – Non sono state né la Mercedes, né la Ferrari a chiudere in testa la giornata inaugurale di test pre-campionato. La prima leader della stagione 2018 della Formula 1, un po' a sorpresa, è la Red Bull: capace, con Daniel Ricciardo, di fermare i cronometri su 1:20.179 proprio nei minuti finali della sessione mattutina. Poi, dopo la pausa pranzo, il calo delle temperature e l'arrivo della pioggia non hanno consentito agli avversari di migliorare il suo tempo, che è rimasto dunque il migliore. A quel punto i Bibitari si sono dedicati a macinare chilometri con la loro nuova monoposto, oggi per la prima volta dipinta con la livrea opaca definitiva, e di giri ne hanno percorsi 104, più di ogni altra squadra.

Primi chilometri
Agli altri due top team non è rimasto che accontentarsi delle rimanenti posizioni da podio. Valtteri Bottas si è piazzato secondo con la Mercedes, mentre il campione del mondo Lewis Hamilton, sceso in pista nel pomeriggio con il meteo avverso, non è riuscito a far meglio della settima piazza finale con soli 25 giri all'attivo. Buono il debutto anche della Ferrari con Kimi Raikkonen, che di tornate ne ha percorse ben 80 e ha centrato la terza posizione, a soli due decimi da Ricciardo a parità di gomme morbide. Quarto posto per la sorpresa Renault con Nico Hulkenberg, quinto per la McLaren di Fernando Alonso che in mattinata ha perso ben tre ore a causa di una ruota staccata che lo ha spedito nelle vie di fuga della curva 16 appena al suo settimo giro. Sorride anche la Honda, che accoppiata alla Toro Rosso sembra avere finalmente trovato la tanto auspicata affidabilità: Brendon Hartley ha completato 93 giri senza problemi, piazzandosi ottavo. Il debutto della Alfa Romeo Sauber, con Marcus Ericsson, si è invece concluso con l'undicesima posizione.