25 settembre 2018
Aggiornato 16:30

Milan nei guai, salta la trattativa Gomez-Boca Juniors

Problemi per Massimiliano Mirabelli. Quella che sembrava un’operazione quasi in chiusura, potrebbe essere tramontata senza margini di appello.
Il paraguayano del Milan Gustavo Gomez
Il paraguayano del Milan Gustavo Gomez (ANSA)

MILANO - Polemiche, tira e molla, indiscrezioni destabilizzanti, la trattativa per la cessione di Gustavo Gomez dal Milan al Boca Juniors ha vissuto momenti di straordinaria epica di mercato. A cominciare dagli spifferi provenienti dall’Argentina che ieri sussurravano di vetri infranti nel corso dell’ennesima riunione tra il direttore dell’area tecnica rossonera Massimiliano Mirabelli e il manager del difensore paraguayano, Augusto Paraja. Chiacchiera poi smentita con decisione dalla dirigenza rossonera.
Ma evidentemente qualcosa nell’aria doveva esserci: secondo le ultime notizia mattutine di radio mercato, nella tarda serata di ieri la trattativa tra il Milan e Boca Juniors sarebbe definitivamente saltata.

Distanza tra le parti
Sembra che i dirigenti del club argentino, giunti in Italia per trattare il difensore del Milan, oggi faranno ritorno a Buenos Aires senza il regalo tanto ambito dal tecnico degli Xeneizes Schelotto. La consistente distanza tra le parti, l’offerta era di prestito con obbligo di riscatto a 5 milioni per l’80% del cartellino mentre la domanda era di 7 milioni, ha portato alla chiusura brusca delle operazioni, colpa anche del mercato argentino che chiude domani sera.

Nuova offerta?
A questo punto, a meno di clamorose a francamente improbabili riaperture, Mirabelli rischia di trovarsi con il cerino in mano, visto che Gustavo Gomez è ufficialmente fuori dai programmi tecnici di mister Gattuso. L’unica speranza è che arrivi qualche nuova offerta, magari dalla Spagna, ma per il roccioso paraguayano, pagato da Galliani ben 8,5 milioni di euro appena 18 mesi fa, non c’è gran mercato.