Calcio | Nazionale

Milan: Romagnoli e Musacchio, la parola alla difesa

I due pilastri della difesa rossonera hanno fatto capire con quale stato d’animo affronteranno l’Inter nell’appuntamento pių delicato di questo inizio stagione. L’obiettivo č vincere e per farlo, come ribadisce Musacchio con orgolio, servono 11 leoni. Spalletti č avvisato.

Musacchio segna contro il Rijeka sotto gli occhi di Romagnoli
Musacchio segna contro il Rijeka sotto gli occhi di Romagnoli (ANSA)

MILANO - A pochi giorni dal derby contro l’Inter, una simpatica iniziativa dell’Ac Milan ha messo i due difensori centrali Romagnoli e Musacchio a disposizione della tifoseria rossonera per un Domanda&Risposta che ha dato vita ad un brillante scambio di pensieri e di programmi futuri. Si è parlato del prossimo appuntamento che vedrà impegnati i ragazzi di Montella contro i nerazzurri, ma il discorso è scivolato su temi tattici, umani e sui programmi del club per la stagione in corso.

Come sei mesi fa
È toccato ad Alessio Romagnoli rievocare il gol segnato nel derby di Pasqua della scorsa stagione, quello del 2-2 finale segnato da Zapata al 97’, anche perchè lo sforzo fatto per mettere in rete la palla che ha riaperto la partita è costata al difensore rossonero un lungo stop. «Se spero di ripetere il gol segnato l'anno scorso? Meglio non dirlo, prima si gioca e poi si parla. Tra l’altro i problemi fisici che hanno condizionato il mio inizio stagione sono partiti tutti da lì. Ci ho messo un po' a recuperare, però ora mi sento pronto e sto bene».

Ottima intesa
Per quanto riguarda la difesa a 3 e l’intesa con i nuovi compagni Romagnoli non ha dubbi: «Con Musacchio e Bonucci c'è un'ottima intesa. Ho conosciuto Leo già in Nazionale l'anno scorso, il suo valore è assoluto e tutti lo sanno. Mi ha insegnato molto con gli altri nazionali su come giocare a tre. Mi dice di andare avanti, perchè lui si stacca e va in copertura, è un grandissimo campione e si può solo imparare da lui. Anche l'anno scorso quando difendevamo a quattro, in fase di possesso eravamo spesso a tre».

11 leoni
Ci pensa poi l’argentino Musacchio a sfoderare tutta la garra tipicamente sudamericana per entrare nel vivo dell’atmosfera pre-derby: «Contro l'Inter bisogna vincere in ogni modo e ai nostri tifosi dico che saremo 11 leoni. Loro hanno una buona squadra ma noi dobbiamo rimanere concentrati fino alla fine, senza lasciar respirare Icardi. Credo che la difesa a tre funziona bene, c'è intesa e sintonia tra noi e anch’io, come Alessio, mi trovo molto bene con Bonucci, è un grande giocatore e una grande persona».