Calcio

Milan: 5 partite per ripartire

La sconfitta con la Lazio ha aperto crepe ed insinuato dubbi nei rossoneri, chiamati all’immediato riscatto. Il calendario, in tal senso, sembra aiutare

Vincenzo Montella e Leonardo Bonucci, allenatore e capitano del Milan
Vincenzo Montella e Leonardo Bonucci, allenatore e capitano del Milan (ANSA)

MILANO - Il pesante 4-1 incassato a Roma contro la Lazio ha minato certezze e spento entusiasmi in un Milan a tutt’oggi ancora in costruzione. Vincenzo Montella è così ora chiamato a riorganizzare il gruppo, ad amalgamarlo e a trovare il modulo migliore per far rendere al massimo la sua squadra, peraltro totalmente nuova rispetto all’anno scorso; le critiche e le insinuazioni circa l’incapacità del Milan di rimanere ad alti livelli già da quest’anno vanno spazzati via con prestazioni di rilievo che la compagine rossonera dovrà garantire fin da giovedì sera nell’esordio europeo di Vienna.

Calendario agevole

Proprio Austria Vienna-Milan sarà la prima di 5 partite fra campionato e coppa in cui la formazione di Montella dovrà mettere il turbo e tornare subito in carreggiata. Giovedì gli austriaci (abbastanza modesti come qualità), domenica pomeriggio l’Udinese a San Siro e mercoledì prossimo, sempre davanti ai tifosi amici, ecco arrivare la Spal nel primo turno infrasettimanale dell’anno. Quindi l’ostica ma non impossibile trasferta di Genova con la Sampdoria e l’esordio casalingo in Uefa coi croati del Rijeka, prima dello scontro di San Siro contro la Roma del 1 ottobre. Fino ad allora, il Milan dovrà infilare una serie di vittorie (e ne ha tutte le possibilità) per ristabilire ordine e regolarità in un cammino sporcato dal crollo con la Lazio, oltre che per trovare l’assetto tattico definitivo senza dover più ricorrere ad esperimenti e prove. Un tour de force da cui i rossoneri dovranno uscire, volenti o nolenti, con tante certezze in più.