25 febbraio 2020
Aggiornato 02:00
Calcio

Prandelli: “Bernardeschi alla Juve non giocherà mai”

Poco fiducioso l’ex commissario tecnico della Nazionale circa il possibile approdo in bianconero del talento della Fiorentina, sempre più vicino al clamoroso trasferimento

Federico Bernardeschi, attaccante della Fiorentina
Federico Bernardeschi, attaccante della Fiorentina ANSA

MILANO - Federico Bernardeschi è sempre al centro di numerose notizie di calciomercato e il suo passaggio dalla Fiorentina alla Juventus appare ogni giorno più vicino, coi campioni d’Italia pronti a sborsare 40 milioni di euro per il talento toscano. Ira già scatenata a Firenze, soprattutto dopo che lo stesso Bernardeschi si era lasciato sfuggire un sibillino ma pericolosissimo: «A chi non piacerebbe andare alla Juve?». I tifosi viola non l’hanno presa bene, esponendo uno striscione dal contenuto vagamente eloquente: «A chi non piacerebbe sputarti in faccia? Bernardeschi gobbo di m…».

Rischi e traguardi

Oggi a parlare di lui è Cesare Prandelli che della Juventus è stato calciatore e della Fiorentina allenatore: «Mi domando perché Bernardeschi stia spingendo così tanto per andarsene da Firenze - afferma l’ex commissario tecnico della Nazionale, oggi alla guida dell’Al-Nasr - perché lì è cresciuto e tutti lo amano. Forse non crede nel progetto viola, ma io penso che alla Juventus vada a fare panchina e giocare poco o niente, rischia di diventare una riserva utile solo in determinati momenti. Io ci rifletterei bene se fossi in lui». Il rischio c’è, la competizione alla Juventus è folta, ma certi treni nella carriera di un calciatore rischiano di passare una volta sola e, visto il piattume delle ambizioni della Fiorentina, il desiderio di alzare il livello da parte di Bernardeschi appare più che legittimo.