Calcio

Sconcerti: “Il Milan sarà arrogante e da scudetto”

La faraonica campagna acquisti dei rossoneri sta impressionando l’Italia intera che ora si interroga sulla possibile competitività del rinnovato gruppo di Montella

Vincenzo Montella, secondo anno sulla panchina del Milan
Vincenzo Montella, secondo anno sulla panchina del Milan (ANSA)

MILANO - Il calciomercato del Milan è stato finora stupefacente con 9 arrivi, una squadra totalmente rivoluzionata e la palma di club più spendaccione d’Europa, un primato che a Milanello non si viveva da un po’. Se poi tutto questo dispendio di energie e risorse economiche si tradurrà in vittorie lo dirà solo il campo; per ora addetti ai lavori e tifosi si interrogano sulle potenzialità della compagine di Vincenzo Montella, chiamato a guidare un gruppo nuovo di zecca e ad assemblarlo nel minor tempo possibile. Qualche risposta sulle ambizioni del Milan 2017-2018 prova a fornirla Mario Sconcerti, noto scrittore e giornalista, oggi commentatore televisivo per Rai Sport: «Il Milan negli ultimi anni si è sempre adattato all’avversario di turno - sostiene Sconcerti – mentre stavolta sarà diverso, stavolta sarà una squadra arrogante e con una sua idea ben precisa. Dove potrà arrivare? Io penso che il Milan oggi sia appena dietro a Juventus e Napoli, alla pari della Roma». La sensazione è che la nuova proprietà rossonera, dirigenti compresi, voglia saltare le linee intermedie e puntare al primato già da quest’anno.