2 giugno 2020
Aggiornato 13:00
Calcio - Serie A

Il proclama di De Laurentiis: «Da ora in avanti il mio Napoli lotterà per lo scudetto»

Nel corso della conferenza stampa per la presentazione di Michu, il presidente azzurro applaude Benitez e dichiara l’obiettivo minimo della stagione: «Dobbiamo lottare per il titolo». Anche l’attaccante spagnolo è pronto ad entrare nel cuore dei tifosi: «So che a Napoli c’è un pubblico fantastico, farò di tutto per farmi voler bene».

DIMARO - «Lotteremo per lo scudetto e lo faremo per tanti anni». Questo il proclama battagliero del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, durante la conferenza stampa a Dimaro, sede del ritiro dei partenopei, in occasione della presentazione del neo arrivato Michu. «Dobbiamo lottare per il tiolo. Credo che da qui in avanti dovremo sempre essere ai vertici. Abbiamo per la seconda stagione consecutiva un ottimo allenatore e spero che questo sia l'anno giusto. Uno scudetto si vince grazie anche a tanti fattori positivi che si intrecciano. Non dimentichiamo che l'altro anno abbiamo cambiato tanti uomini, con l'incognita dell'addio di Cavani, e siamo stati bravissimi. Ritengo che con Benitez abbiamo fatto un eccellente lavoro di rinnovamento e di crescita. Se non avessimo avuto gli infortuni che abbiamo subito, chissà dove saremmo potuti arrivare».

MICHU: VOGLIO ENTRARE NEL CUORE DEI TIFOSI - Dello stesso tenore le parole dell’ospite d’onore della giornata, Miguel Perez Cuesta detto «Michu»: «Napoli è il massimo e io voglio entrare nel cuore dei tifosi». Così si è presentato l’attaccante spagnolo, neo acquisto del Napoli. «L'impressione è molto buona: l'ambiente è bellissimo e sto cercando sin da subito di trovare la forma migliore per arrivare al top della forma quando comincerà la stagione. Obiettivi? In Italia ci sono tante buone squadre - ha aggiunto Michu - come Juve, Roma, Fiorentina, Inter e Milan. L'importante sarà poter lottare per il vertice ed essere tra le prime. Personalmente di gol ne vorrei fare tanti, ma ciò che mi interessa maggiormente è aiutare la squadra e poter dare anche una mano alla fase difensiva».
E per concludere, una strizzatina d’occhio al caloroso tifo partenopeo: «Io sono un giocatore che si identifica molto con i tifosi. So che a Napoli c'è un pubblico fantastico e spero di poter soddisfare tutti ed entrare nel cuore della gente napoletana».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal