20 agosto 2018
Aggiornato 14:30

Dormire meno di otto ore ti fa morire prima. Ma accade lo stesso se dormi troppo

Alcuni scienziati ritengono che le persone che dormono poco o troppo assistano a un amentato rischio di morte precoce
Dormire troppo o troppo poco fa male alla salute
Dormire troppo o troppo poco fa male alla salute (George Rudy | Shutterstock)

Si dice che il tre sia il numero perfetto. Ma quando si parla di sonno la perfezione è rappresentata dal numero otto, ovvero dal numero di ore che dovremmo dormire durante la notte per godere di buona salute. Nel periodo di riposo notturno, infatti, il nostro organismo riesce a rigenerare e attivare diversi meccanismi di difesa implicati nella maggior parte delle funzioni fisiologiche. Ma dormire meno, o di più, potrebbe danneggiare la nostra salute a tal punto da aumentare il rischio di morte precoce.

Meno dormi, più rischi
Un recente studio ha evidenziato come le persone che dormono troppe poche ore o che, peggio ancora, ne dormono più di dieci, assistevano al 40% in più di probabilità di avere almeno tre condizioni di salute legate alla morte precoce. Tra i vari danni che derivano dalla scarsità o dall’eccesso di sonno, ricordiamo l’ipertensione, l’iperglicemia e le sindromi metaboliche. Il motivo per cui avviene tutto questo? Un aumento dell’infiammazione dell’organismo.

Perché si dorme poco?
Secondo alcuni studiosi, l’insonnia può essere semplicemente il risultato di problemi psicologici, questo è stato evidenziato nel 2017 quando furono somministrate ad alcuni volontari delle pillole placebo per l’insonnia. Molti di loro riuscivano a riposare meglio, nonostante non avessero assunto, realmente, nessun tipo di medicinale. Ciò significa che il semplice fatto di assumere un farmaco aiuta ad alleviare l’ansia che impedisce di dormire bene. «L'insonnia è modellata dall'aspettativa e dalla percezione, quindi non sorprende che i placebo, che alterano implicitamente l'aspettativa, siano efficaci nel migliorare le percezioni del sonno», ha dichiarato il dottor Patrick Finan della Johns Hopkins University.

Lo studio
Durante lo studio, il team della Seoul National University ha preso in esame oltre centotrentamila persone di età compresa fra i 40 e i 69 anni. A tutti i partecipanti è stato chiesto di indicare il tempo trascorso a dormire, compresi eventuali sonnellini che avevano fatto durante le ore del giorno. A ogni persona, poi, sono stati prelevati dei campioni di sangue, urine e DNA allo scopo di valutare lo stato di salute generale. Dai risultati è emerso che la carenza o l’eccesso di sonno aumentava vistosamente il rischio di sindrome metabolica, caratterizzata da iperglicemia, ipercolesterolemia, ipertensione e circonferenza addominale sopra i limiti della norma. Altri studi hanno evidenziato che l’alterazione del sonno aumenta anche il rischio di demenza e cancro. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista BMC Public Health.

Di insonnia si può morire
«Non dormire a sufficienza o avere una cattiva qualità del sonno procura danni fino alla morte», secondo il Neurologo Piergiorgio Strata, che ha parlato dell’argomento durante la conferenza Dormire forse sognare. Il medico è anche autore dell’omonimo libro, edito da Carocci Editore. «Durante i processi di apprendimento e memoria della veglia, le sinapsi aumentano di volume e il sonno è necessario per il loro restauro e per rimettere in moto i processi di apprendimento. Inoltre, durante il sonno aumenta l’eliminazione dei prodotti del metabolismo proteico. La deprivazione di sonno è associata all’aumento delle proteine beta-amiloide e tau, che sono responsabili di malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e il Parkinson», conclude Strata.

Leggi anche: La luce durante il sonno altera il metabolismo e aumenta la resistenza all’insulina
L’esposizione a una luce, anche tenue, durante le ore notturne e il sonno altera la funzione metabolica e la resistenza all'insulina. Il rischio diabete e non solo

Russare assottiglia il cranio e può essere mortale
Gli scienziati mettono sull'avviso dal russare e le apnee ostruttive del sonno. Questo provoca un assottigliamento del cranio e predispone a demenza, ictus e anche la morte

I bambini che dormono meno di 8 ore a notte sono destinati a diventare grassi
Orari sballati, ore di sonno perdute. Se il bambino dorme meno di 8 ore a notte ha quasi il 60% di probabilità di ingrassare e rischia l’obesità e la salute

Bastano 5 giorni di carenza sonno per danneggiare il cervello
Con ora legale, e non solo, si rischia insonnia, irritabilità e carenza riposo. Le malattie legate alla carenza di sonno