29 settembre 2020
Aggiornato 19:00
Coronavirus

Matteo Salvini contro Conte sulle zone rosse: «Al Governo andrebbero arrestati»

Il leader della Lega: «Non hanno chiuso la Val Seriana ma hanno sigillato tutta Italia. Al Sud hanno creato una crisi economica senza precedenti». Malpezzi: «Arrestare il governo? Per Salvini un colpo di sole»

Video Agenzia Vista

«Hanno desecretato il verbale della riunione del Comitato Tecnico Scientifico del 3 marzo che aveva detto di chiudere la Val Seriana e di non chiudere il resto d'Italia. Il governo non ha chiuso la zona rossa ma ha sigillato tutto il resto d'Italia. Se fosse così dovrebbero essere arrestati». Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini, in un comizio in Toscana con la candidata del centrodestra alla Regione Susanna Ceccardi.

«Non faccio la zona rossa in val Seriana e chiudo in casa gli italiani dove non c'è problema: al Nord hanno fatto i morti, al Sud hanno creato una crisi economica senza precedenti».

Malpezzi: «Arrestare il governo? Per Salvini un colpo di sole»

«Il leader dell'opposizione di un Paese democratico come il nostro, quello che lo scorso anno, in bermuda, pretendeva pieni poteri e evocava le piazze, oggi chiede l'arresto dei membri del governo. Un'enormità che dimostra, ancora una volta, la sua inadeguatezza e instabilità. Un altro colpo di sole. Quello dell' anno scorso evidentemente non gli è bastato». Così Simona Malpezzi, senatrice del Pd e sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento replica ad alcune affermazioni di Matteo Salvini.

«Ebbene, il governo, mentre Salvini andava in giro in pieno lockdown senza mascherina per le strade di Roma, facendo la solita becera propaganda, ha affrontato la più grave crisi sanitaria dal dopoguerra. E, secondo autorevoli fonti, lo ha fatto meglio di molti altri governi. E, in questi giorni, mentre Salvini se ne va sempre in giro a spese degli italiani, indossando mascherine nere che strizzano l'occhio all'estrema destra, il governo lavora senza sosta per contenere la crisi economica che in Italia, come nel resto del mondo, è seguita alla diffusione del Covid. Pensavo che Salvini avesse toccato il fondo ma, ogni giorno, supera un limite che sembra invalicabile. Con le dichiarazioni farneticanti di oggi si pone fuori dal perimetro delle regole di una democrazia responsabile e matura», conclude Malpezzi.

Castaldi: «In tilt algoritmo che suggerisce a Salvini cosa dire»

«I nuovi 'negazionisti' saranno gli ex elettori della Lega, che si vergogneranno ad ammettere di aver dato fiducia a un signore che si contraddice di continuo: oggi Salvini accusa il nostro Governo di aver sequestrato gli italiani, quando lui per primo agli inizi di marzo invocava la chiusura di tutto. Non so se è andato in tilt l'algoritmo che gli suggerisce cosa dire, se è questo periodo dell'anno che gli fa male o se la dozzina di punti persi nei sondaggi lo spingono a spararle sempre più grosse per attirare l'attenzione, ma è inaccettabile che il Governo venga calunniato così, con accuse ridicole di condotte criminali. Ogni decisione è stata presa nell'interesse dei cittadini. Cosa che Salvini sa benissimo ma che finge di non capire per mero tornaconto elettorale». Lo dichiara in una nota Gianluca Castaldi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio.