11 agosto 2020
Aggiornato 06:00
Governo

Giuseppe Conte prova a caricare il Governo: «Non siamo attendisti, realtà dei fatti dice il contrario»

Il Presidente del Consiglio: «Questo governo ha assunto decisioni mai prese nella storia repubblicana, si è assunto la responsabilità di essere definito, ingiustamente, illiberale»

Video Agenzia Vista

«In questi giorni c'è un chiacchiericcio quotidiano che ci descrive come un governo attendista, incapace di prendere decisioni risolute, la realtà è il contrario. Questo governo ha assunto decisioni mai prese nella storia repubblicana, si è assunto la responsabilità di essere definito, ingiustamente, illiberale. Questo governo ha preso decisioni ferme e risolute, siamo pronti a prenderle anche nel futuro». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, intervenendo al Consiglio nazionale della Uil a Roma.

«Noi - ha aggiunto - siamo quelli dei protocolli di sicurezza, del patto di rilancio più ambizioso, della semplificazione più coraggiosa. Quello che l'Italia ha vissuto fino ad oggi è un ventennio perduto, per questo stiamo invertendo questa linea di tendenza che ci vede fragili, incapaci nella spesa per investimenti».

«Non bisogna esitare, è il momento del coraggio»

«Con il dl semplificazioni, che approveremo all'inizio della prossima settimana, metteremo in campo misure per dare impulso agli investimenti senza far venire meno controlli rigorosi, ansi stiamo mettendo a punto controlli più efficaci. Ma dobbiamo essere coraggiosi: non possiamo pensare che per episodi di sacche di illegalità questo Paese non debba correre. Non è possibile esitare, questo è il momento del coraggio».