27 settembre 2020
Aggiornato 19:30
Centrosinistra

Luigi Zanda alla maggioranza: «L'unica alternativa a Conte sono le elezioni»

Il Senatore del PD: «Quel che è mancato, ancora una volta è l'esposizione al Parlamento e al paese della visione politica e strategica del futuro che ci aspetta». Zingaretti: «Ora chiarezza e velocità»

Il Senatore del PD, Luigi Zanda
Il Senatore del PD, Luigi Zanda ANSA

ROMA - «Io penso che in una crisi di questa violenza si deve lavorare per rafforzare il governo e non per indebolirlo. Io sono un senatore di maggioranza e il mio sostegno a Conte è fuori discussione. Ho apprezzato la relazione sulle misure adottate. Ho ascoltato quello che Conte ha detto e cioè che sarebbe un torto respingere il Mes e concordo su questa posizione. Ripeto, io sostengo questo governo. E dico che se dovesse cadere l'unica alternativa sono le elezioni. Altre strade non ci sono». Così il senatore del Pd Luigi Zanda in una intervista all'Huffington Post.

«Quel che è mancato, ancora una volta - prosegue - è l'esposizione al Parlamento e al paese della visione politica e strategica del futuro che ci aspetta. C'è una crisi spaventosa, stiamo adottando misure straordinarie, anche per l'economia, abbiamo una prospettiva di meno 15 per cento di Pil, è in atto una gigantesca diminuzione delle entrate fiscali, l'unica persona che ci può indicare la rotta è il presidente del Consiglio. È questa la richiesta che mi sento di avanzare: dire, in Parlamento, dove stiamo andando, se le misure eccezionali sono destinate a rimanere strutturali nel paese, se si è sbagliato quando si è detto 'facciamo da soli', quale sia l'idea di Europa».

Zingaretti: «Ora chiarezza e velocità»

«Il tema è avere ordine sulle decisioni, sapere chi decide e mi permetto di dire anche al governo che sostengo: per cortesia ora chiarezza e velocità, l'Italia ha bisogno di chiarezza, velocità e meno burocrazia». Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti, nella registrazione della puntata di 'DiMartedi» in onda stasera su 'La7'.

«E' stata - ha detto ancora Zingaretti - la destra nazionalista di Orban ad esautorare il Parlamento. Questo governo si è assunto delle responsabilità ma non si è mai sognato di esautorare il Parlamento e credo che la fase che abbiamo davanti richiederà il coinvolgimento delle menti migliori, delle persone che vogliono dare una mano. Noi come Pd apriremo una pagina web per permettere a tutti di contribuire alla rinascita».

Marcucci: «Fase 2 difficile, Governo non deve sbagliare»

«La fase due sarà particolarmente difficile per tutti, anche per il governo. L'esecutivo Conte non dovrà sbagliare un colpo nel riaccendere la luce al Paese, gestire la necessaria, fondamentale, ripartenza economica e continuare a tenere sotto controllo l'emergenza sanitaria». Lo scrive sulla sua pagina Facebook il capogruppo Pd al Senato Andrea Marcucci.

«Dobbiamo muoverci come una grande squadra di calcio - sottolinea - che si chiama Italia, ogni giocatore nel suo pezzo di campo, dovrà dimostrare destrezza, abilità e sacrificio.Senza passi falsi o improvvidi colpi d'ala».