31 maggio 2020
Aggiornato 10:00
Sondaggio SWG

Crolla la fiducia degli italiani nell'UE

L'epidemia non sposta molti voti, almeno per ora, ma cambia l'atteggiamento degli italiani verso l'Ue e gli altri paesi stranieri. Cina preferita agli USA come alleato

Crolla la fiducia degli italiani nell'UE
Crolla la fiducia degli italiani nell'UE ANSA

ROMA - L'epidemia non sposta molti voti, almeno per ora, ma cambia l'atteggiamento degli italiani verso l'Ue e gli altri paesi stranieri. L'ultimo «radar» Swg del 6 aprile mostra solo piccole variazioni nelle percentuali dei partiti, ma segnala un repentino «innamoramento» per la Cina, ora preferita agli Stati Uniti come alleato. Crolla invece, come era prevedibile, il giudizio sull'Ue, percepita come sorda ai problemi che l'Italia sta vivendo.

Spiega Swg: «La crisi legata alla pandemia cambia anche la percezione degli scenari politici a livello globale. L'empatia dovuta all'essere state le due realtà più colpite nella fase iniziale dell'epidemia, ma anche gli aiuti reciproci, producono un notevole avvicinamento degli italiani alla Cina, al punto da preferirla come alleato rispetto allo storico partner americano».

«Sul piano europeo invece, - sottolinea l'istituto di ricerche - le dinamiche recenti hanno incrinato fortemente il rapporto dei cittadini con le istituzioni europee». Ma non solo, l'epidemia ha «ha anche diviso le opinioni pubbliche dei diversi stati membri. Gran parte degli italiani, come anche la maggioranza dei francesi, sostiene il bisogno di politiche solidali tra i paesi per condividere i costi della crisi. In termini finanziari ciò si traduce nell'assenso con l'ipotesi degli Eurobond, strumento che però trova la contrarietà di due terzi dei tedeschi».

Cina preferita agli USA come alleato

Nel dettaglio, il 36% degli italiani considera preferibile la Cina come partner internazionale, mentre solo il 30% sceglie gli Usa, storico alleato dell'Italia. In particolare, il 51% degli elettori M5s e il 45% di quelli del Pd preferisce Pechino a Washington, mentre il 51% di chi vota centrodestra resta fedele agli Usa.

Il 75% degli italiani, poi, chiede «piena solidarietà tra gli stati europei per il rilancio», insieme al 58% dei francesi. Addirittura, l'83% di chi vive in Italia è favorevole ai «Coronabond» europei, mentre sono contrari il 64% dei tedeschi.

La fiducia nelle istituzioni europee crolla: l'Ue in quanto tale scende dal 42% di settembre scorso al 27% attuale, la commissione Ue dal 41 al 24, e la Bce dal 43 al 25. Al contrario, aumenta la percentuale di coloro che danno un giudizio positivo sulla politica estera italiana: dal 30% di settembre al 46% rilevato ora.

Restano senza grandi variazioni i sondaggi sui partiti

La Lega rimane la prima forza politica del paese con il 30,7% (era il 31% il 30 marzo), seguita dal Pd al 20,1% (in leggero rialzo rispetto al 19,2 di una settimana prima). Cala leggermente M5s, al 14,5% contro il 14,9% del 30 marzo. Confermato il buon momento di Fdi al 12% (il 12,3% sette giorni prima), mentre Forza Italia resta attorno al 5% (5,2%, quasi identico al 5,3% della precedente rilevazione). Stabili anche Italia viva (3,4% contro il 3,3% del 30 marzo), Azione (2,5% rispetto al 2,7% precedente), Sinistra-Mdp (3,5% ad aprile, 3,3% una settimana prima) e Più Europa (2,3% dal 2,2% di fine marzo).

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal