24 giugno 2019
Aggiornato 17:30
Centrosinistra

Nicola Zingaretti chiama il PD alla battaglia dei social

Il Segretario del Partito Democratico: «Sulla presenza social non ho problemi a dire che bisogna recuperare, ma il centrosinistra è ora un'alternativa credibile»

Nicola Zingaretti, Segretario del PD
Nicola Zingaretti, Segretario del PD ( ANSA )

ROMA - «Noi non useremo mai i social per insultare o mettere fake news» perchè questa pratica «non è contro gli avversari ma contro la democrazia». Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti intervistato a Rtl 102.5. «Sulla presenza social non ho problemi a dire che bisogna recuperare ma partiti presenti in Parlamento stanno usando i social per scrivere fake news e spesso chi lo fa non rivela la propria identità e non ne paga le conseguenze», ha aggiunto. «Evitiamo che i social riducano la funzione dell'individuo a un essere che giudica e basta, siamo esseri pensanti» ha concluso Zingaretti.

Conti allo sfascio, Governo non metta patrimoniale

«Il ministro del Tesoro ha detto che i conti sono allo sfascio mi auguro che il governo non metta la patrimoniale, mi auguro che qualunque azione metta per tappare i buchi che il governo stesso ha fatto sia ispirata alla progressività. Le politiche economiche del governo hanno fermato l'Italia», «Giorgetti dice che il governo si è fermato, non capisco perchè vanno avanti» ha concluso Zingaretti.

Centrosinistra ora è alternativa

«Solo due mesi fa il campo del centrosinistra era un Vietnam, la lista unitaria è stata una grande conquista di tutti ed è una credibile alternativa a chi comincia ad aver paura» e quindi il Pd di Zingaretti «è un Pd più unito, più unitario ed è una forza politica che vuole dare una speranza a questo paese».

Calenda a comizio Salvini? Risposta legittima

«Penso che sia stata una risposta legittima di Carlo. Salvini fa la propaganda sul proprio comizio insultando gli avversari e dicendo lui non ci sarà...».