20 gennaio 2019
Aggiornato 04:30
Immigrazione

La denuncia di Biancofiore (Fi): «Altro che porti chiusi, ancora sbarchi in Calabria». Toninelli convoca autorità portuali

La Deputata di Forza Italia: «Mentre il premier e i suoi 2 vice discutevano a Palazzo Chigi, in Calabria sono sbarcati 51 curdi salvati in mare»

Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ospite a Porta a Porta
Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ospite a Porta a Porta ANSA

ROMA - «Incredibile ma vero: mentre il premier e i suoi 2 vice discutevano animatamente a Palazzo Chigi se accogliere o meno 15 immigrati, nelle stesse ore in Calabria sono sbarcati ben 51 curdi salvati in mare. Alla faccia dei porti chiusi come sostiene Salvini e della felicità sbandierata oggi ad uso dei follower!». Così, in una nota, la deputata di Forza Italia Michaela Biancofiore, che aggiunge: «E' chiaro che la sceneggiata a Palazzo Chigi ha dato il polso della situazione al leader del carroccio, costretto a cedere tanto che i 15 immigrati saranno accolti nella diocesi valdese».

Biancofiore: governo sbilanciato sui 5 stelle

«Questo perché - aggiunge - questa maggioranza non è la sua maggioranza con la quale ha scritto un programma che davvero avrebbe portato alla fine degli sbarchi via terra, via mare e via aerea». Così mentre sui social si continua a fare «propaganda a più non posso» evitando la «verità di un errore di scelta politica e di un governo sbilanciato sui 5 stelle», in poche ore ci siamo ritrovati «dalle parole ai fatti (opposti)»: ben 66 immigrati sono approdati sul suolo nazionale, «in barba all'hashtag di Salvini #acasa... si, la nostra!».

«Salvini riprenda in mano nave battente bandiera centrodestra»

Biancofiore parla anche del sindaco di Lampedusa che sostiene di assistere quotidianamente agli sbarchi sull'isola di migranti che attraversano il Mediterraneo non più sulle navi delle ONG ma sulle barche degli scafisti. «Da sei mesi ad oggi solo fumo esce dai banchi di un esecutivo innaturale», per questo Forza Italia lancia il suo invito a Salvini a prenderne atto e a riprendere in mano, come già aveva auspicato ieri la leader di FdI Giorgia Meloni, «la nave battente bandiera centrodestra. Sarà un salvagente contro gli approdi selvaggi e contro la delinquenza organizzata», conclude Biancofiore.

Toninelli convoca tre autorità portuali

Intanto, il Ministero delle Infrastrutture ha reso noto di aver convocato i presidenti di tre autorità portuali per «chiarimenti» sulla vicenda dei migranti. A comunicarlo il dicastero guidato da Danilo Toninelli, sottolineando che «sono stati convocati oggi, per una richiesta urgente di chiarimenti, i presidenti delle autorità di sistema portuale del Mar Ligure orientale, del Mare Adriatico settentrionale e del Mar Tirreno centrale». Nel corso del colloquio, cui ha partecipato il viceministro Edoardo Rixi, è stato rappresentato il disappunto del ministro Toninelli per le dichiarazioni rese alla stampa in cui i presidenti si sono espressi con «toni e frasario estranei all'ambito delle funzioni a essi istituzionalmente affidate». I presidenti hanno espresso «condivisione» con gli indirizzi del ministero, «nei perimetri delle proprie competenze». L'auspicio del ministero e del ministro è che non si ripetano in futuro ulteriori casi analoghi a quelli avvenuti negli scorsi giorni sul tema dei migranti.