19 marzo 2019
Aggiornato 19:30
Primarie PD

Martina a Renzi: «Un tuo partito sarebbe un errore»

Il candidato alla Segreteria del Partito Democratico a Porta a Porta: «Lo stimo ma sono differente da lui»

Matteo Renzi, Paolo Gentiloni e Maurizio Martina
Matteo Renzi, Paolo Gentiloni e Maurizio Martina ANSA

ROMA - Sarebbe «un errore» se Matteo Renzi scegliesse di fare un suo partito, «mi auguro» che non lo faccia: «Quando si divide il campo alternativo alla destra si fa un favore alla destra». Lo ha detto Maurizio Martina, a Porta a Porta. «Io parlo delle mie proposte e del lavoro per il Pd, chiedo a tutti di dare una mano e chiedo anche rispetto per la comunità del Pd», ha aggiunto il candidato alle primarie dem. «Con Matteo Renzi - ha aggiunto - abbiamo lavorato insieme, continuo a stimarlo, ma sono differente da lui. Da quanto non lo sento? Non mi sembra un tema». Martina ha spiegato di non aver «mai avuto l'ossessione del 51%, non mi interessa. Mi interessa il profilo unitario, aperto e di prospettiva del mio partito. Guardo avanti, il Pd deve rinnovare la sua sfida democratica».

Nostra proposta contro rancori e vecchie appartenenze
«La nostra proposta al congresso è contro le antiche fratture, contro i rancori, le liti e le vecchie appartenenze. E' una proposta per tornare a ridare ossigeno al Partito Democratico mettendoci tutti in discussione e lavorando sulle idee: per un partito ecologista, europeista e del lavoro che cambia».

Morassut: Candidatura Martina vuota e contraddittoria
«In un' intervista di quest'oggi sulla Stampa, Maurizio Martina ricalca letteralmente in carta carbone la mia proposta di una 'Costituente' per fondare i Democratici. Di questo parlo dal 2016, come è noto, ed ho precisato il senso della mia proposta in un libro pubblicato ad ottobre e che è in libreria. Nel 2016 scrissi al Segretario Renzi indicandogli la necessità di una radicale iniziativa di intervento sul Pd in questa stessa direzione che derivava dal chiaro insuccesso di partecipazione popolare delle primarie Pd per la candidatura a Sindaco di Roma. Debbo prendere atto che ora il dibattito del Pd va esattamente in quella direzione se sia Renzi che Martina di fatto ne riprendono l'uno la curvatura civica (i comitati civici) l'altro addirittura la forma spiccicata. Me ne compiaccio ma contesto alcune cose». Così in una nota il parlamentare e membro della Direzione Nazionale del Partito Democratico, Roberto Morassut.