22 febbraio 2020
Aggiornato 21:30
Genova

Genova, sabato i funerali. Anche il calcio si ferma nel giorno del lutto nazionale

Giornata di lutto nazionale in concomitanza con le esequie solenni. La Lega di serie A ferma le partite

Il premier Giuseppe Conte al termine del sopralluogo tra le macerie del Ponte Morandi, Genova
Il premier Giuseppe Conte al termine del sopralluogo tra le macerie del Ponte Morandi, Genova ANSA

GENOVA - Saranno celebrati sabato 18 alle 11:30 i funerali solenni delle vittime del crollo del ponte Morandi a Genova. La cerimonia si terrà alla Fiera di Genova (padiglione blu). All’esequie saranno presenti il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il presidente del Senato Elisabetta Casellati, il presidente della Camera Roberto Fico ed il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. «Sabato abbiamo proclamato una giornata di lutto nazionale in concomitanza con le esequie solenni. Saremo ancora qui sabato per i funerali e forse terremo un consiglio dei ministri. Non lasciamo sola Genova» ha detto il premier Giuseppe Conte, parlando al termine del vertice in Prefettura a Genova. «Torneremo a Genova nei prossimi giorni per i funerali e per coordinare ulteriormente i soccorsi e lavorare probabilmente a un Consiglio dei ministri per aggiornare le disposizioni della protezione civile e il decreto approvato ieri», ha aggiunto il vicepremier Luigi Di Maio che ha partecipato con Conte alla riunione.

Il calcio si ferma
Anche dal mondo del calcio arriva un segnale di vicinanza a Genova: Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa non si giocheranno. Così ha deciso la Lega di serie A dopo le richieste esplicite da parte di Genoa e Sampdoria. «Il Presidente della Lega Serie A, viste le richieste di rinvio delle proprie partite, programmate per domenica 19 agosto alle ore 20:30, da parte delle Società Genoa e Sampdoria, in conseguenza della tragedia che ha colpito la città di Genova, e raccolto il parere favorevole da parte delle Società Milan e Fiorentina, dispone il rinvio a data da destinarsi degli incontri Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa. Le date dei recuperi delle due partite verranno comunicati nei prossimi giorni nel rispetto delle norme regolamentari in vigore» si legge nella nota.

Il post dei tifosi della Fiorentina prima della decisione della Lega A
Anche i tifosi della Fiorentina, ben prima dell'annuncio della Lega, avevano fatto sapere che comunque non avrebbero partecipato al match. «Vogliamo esprimere la nostra vicinanza alle famiglie delle vittime del crollo del Ponte Morandi. Il dolore per questa tragedia non richiede che si giochi una partita di calcio, pertanto non aspettiamo la decisione della Lega: domenica la tifoseria viola non presenzierà alla trasferta di Genova a prescindere dal rinvio o meno della partita. Silenzio e rispetto». Il comunicato era apparso sulla pagina Facebook «Fuori dal coro», firmato da dieci dei principali Violaclub della ‘Curva Fiesole’. A prescindere dalla decisione sulla richiesta della Sampdoria di rinviare la sfida in programma domenica, la tifoseria organizzata gigliata non sarà presente allo stadio ‘Ferraris’.