19 ottobre 2018
Aggiornato 06:00

Centrodestra, da Parisi messaggio a Salvini: «No all'accordo, Silvio è tornato»

Il segretario di Energie per l'Italia: «Salvini si fermi. La riabilitazione di Berlusconi apre nuove prospettive»
Meloni, Berlusconi, Parisi, Salvini e Fitto durante l'ultima campagna elettorale
Meloni, Berlusconi, Parisi, Salvini e Fitto durante l'ultima campagna elettorale (ANSA/FABIO FRUSTACI)

MILANO - «Voglio rivolgere un appello a Matteo Salvini: si fermi, non faccia l'accordo con Di Maio. La riabilitazione di Silvio Berlusconi apre nuove prospettive per il centrodestra. Si può vincere davvero e avere una maggioranza per governare senza doversi compromettere con i 5 Stelle. Un centrodestra che si presenterà più forte anche grazie a quel rinnovamento, da tanti auspicato e oggi finalmente possibile». Lo dichiara in una nota il segretario di Energie PER l'Italia, Stefano Parisi. «Il Governo con i 5 Stelle - prosegue Parisi - sarebbe dannoso per il Paese, ci metterebbe in balia dei giustizialisti, bloccherebbe qualunque investimento e progetto di sviluppo, ci renderebbe tutti più poveri e insicuri. Un disegno di legge sul conflitto di interessi mandato in Parlamento dal governo Lega-5 Stelle, alla luce della riabilitazione di Silvio Berlusconi, sarebbe occasione di accanimento giustizialista in Parlamento. E la Lega da sola non sarà in grado di reggere questa pressione vendicativa». 

«Fermi l'accordo e torniamo al voto»
Per Stefano Parisi «il programma di governo del centrodestra, di sviluppo, sicurezza e libertà, non è compatibile con il programma e le idee che ispirano i grillini. Il centrodestra appoggi un Governo di garanzia che dia il tempo al Parlamento di correggere la legge elettorale e torniamo al voto. Il centrodestra può vincere davvero questa volta». Parole che potrebbero essere raccolte da Fratelli d'Italia. Lo sfogo di Giorgia Meloni delle ultime ore può che essere letto anch'esso come un messaggio a Matteo Salvini. Soprattutto considerando, ora, la riabilitazione del Cavaliere, il cui nome potrebbe tornare a essere presente sulle schede elettorali: «La riabilitazione di Silvio Berlusconi» ha dichiarato la presidente di Fratelli d'Italia «è un atto di giustizia che restituisce piena rappresentanza a milioni di elettori. Al presidente di Forza Italia le mie più sentite felicitazioni e quelle di Fratelli d'Italia».

Da Brunetta a Rotondi, festa grande nel centrodestra
«Finalmente - il commento di Renato Brunetta - il Tribunale di sorveglianza di Milano ha accolto la richiesta di riabilitazione rendendo eleggibile, con effetto immediato, il nostro Presidente. Berlusconi torna in campo politico a tutto tondo, torna a rappresentare i tanti milioni di italiani che hanno votato Forza Italia e i tanti altri che la voteranno. Torna, in altre parole, a rappresentare il popolo dei moderati, che dopo tanto tempo, non vedeva riconoscersi in nessun leader in campo. Bentornato Presidente! L'Italia, da oggi, torna ad essere più democratica. Con Berlusconi in campo, il centrodestra torna vincente e, dentro il centrodestra, torna vincente Forza Italia». Chi invece ringrazia soprattutto il lavoro svolto dai legali è Gianfranco Rotondi: «Il politico Silvio Berlusconi viene restituito al suo popolo che non ha mai smesso di credere nella utilità del suo contributo al bene del Paese. Un grazie a Niccoló Ghedini e ai magistrati milanesi che hanno assunto con rapidità una decisione importante per il quadro politico del Paese».